Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

FAAC: Odg e Aser allarmati per la richiesta dei tabulati telefonici a due cronisti

L’Ordine regionale dei giornalisti e l’Aser esprimono preoccupazione rispetto alla richiesta dei tabulati telefonici di due cronisti impegnati a dar conto del processo FAAC. Questo il comunicato congiunto firmato dal presidente dell’Odg Emilia-Romagna Giovanni Rossi e dalla presidente dell’Assostampa regionale Serena Bersani.

Suscita sconcerto, perplessità e preoccupazione la notizia che nell’ambito di un ramo del processo riguardante la vicenda dell’eredità FAAC siano stati richiesti i tabulati telefonici relativi alle utenze di due cronisti – Gilberto Dondi de il Resto del Carlino e Gianluca Rotondi del Corriere di Bologna – peraltro senza che siano state date spiegazioni e senza che vi siano tracce negli atti giudiziari di un qualche risultato.
Tutta la vicenda, venuta alla luce a due anni dal fatto, è sconcertante per come se ne è avuta notizia, durante il dibattimento per iniziativa del legale dell’imputato (imputato con il quale i due giornalisti non avevano avuto rapporti), preoccupa perché presuppone un tentativo di individuare le fonti che i giornalisti sono tenuti a tutelare e suscita profonde perplessità per il metodo utilizzato.
La Corte europea dei diritti dell’uomo ha, infatti, più volte ribadito, con le sue pronunce, che la tutela delle fonti giornalistiche deve essere totale e dunque deve estendersi sino al divieto di perquisizione di documenti e di supporti informatici, ciò al fine di garantire il più totale vincolo di anonimato in capo alle fonti a cui il giornalista attinge.
Ordine e Sindacato dei giornalisti ritengono che i due colleghi abbiano svolto con coscienza il loro lavoro con l’intento di dare conto al meglio all’opinione pubblica di una vicenda intricata. Auspicano inoltre che la Procura voglia fare chiarezza sulla richiesta dei tabulati telefonici dei due cronisti di giudiziaria che, per come è emersa, sembrerebbe non avere nulla a che vedere con le indagini sulla vicenda Faac.
(25 ottobre 2017)
Powered by EPS