Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Aggressione a giornalista e cameraman di Teleromagna allo Stadio Morgagni di Forlì. La presa di posizione del gruppo giornalisti sportivi. Solidarietà dell’Odg regionale

Il Gruppo Emiliano Romagnolo Giornalisti Sportivi (GERGS) esprime un profondo sconcerto per quanto successo mercoledì sera allo stadio Morgagni di Forlì, in un derby Forlì-Cesena in cui le due tifoserie hanno avuto un comportamento esemplare nonostante un finale arroventato e ricco di emozioni in campo. A esibire il peggior repertorio possibile sono stati invece l’ex presidente del Forlì Stefano Fabbri e l’attuale presidente biancorosso Gianfranco Cappelli.
Nel finale della gara di mercoledì sera, dopo l’assegnazione di un calcio di rigore al Cesena, il signor Fabbri ha aggredito fisicamente il giornalista Luca Alberto Montanari, che stava effettuando la telecronaca per Teleromagna. Successivamente se l’è presa con il cameraman accendendo un parapiglia che ha coinvolto anche il presidente Cappelli, separato a forza da un giornalista.
Il finale della serata è arrivato con la conferenza del presidente Cappelli, che ha provato ad imporre il silenzio stampa della squadra avversaria, dichiarando: “Il Cesena rilascerà le sue dichiarazioni allo stadio Manuzzi. Il Cesena prende il suo autobus e va a casa”. Di conseguenza, i giornalisti e i tesserati della squadra ospite sono così stati costretti a incontrarsi nel piazzale dello stadio di Forlì.
“La presa di posizione dei giornalisti sportivi è pienamente condivisa dall’Ordine – ha dichiarato il Presidente del Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna Giovanni Rossi – che esprime piena solidarietà al collega Luca Alberto Montanari e al cameraman a fronte di comportamenti dei dirigenti sportivi che sono inaccettabili e che, per la verità, non si capisce bene cosa c’entrino con lo sport e un sano agonismo. Purtroppo, episodi di questo genere non sono rari e non fanno certo fare una bella figura alle società che questi dirigenti rappresentano o hanno rappresentato”.
(15 febbraio 2019)
Powered by Warp Theme Framework