Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

ReggioStoria: 150 uscite per la prestigiosa rivista culturale ideata da Badini

È stata la pubblicazione del numero 150 di ReggioStoria l’occasione per far conoscere alla città di Reggio Emilia la rivista di cultura e storia fondata da Gino Badini nel 1978. L’incontro di presentazione si è svolto nell’ambito di un convegno dedicato alla stampa specializzata nei settori della divulgazione storica e archeologica che ha visto la partecipazione di diversi studiosi e ricercatori. Stefano Mammini, redattore delle prestigiose riviste nazionali Archeo e Medioevo, ha condiviso con altri relatori il problema di superare gli apparati didattici, spesso “respingenti”, per far conoscere al grande pubblico il divenire della storia partendo dal racconto di vicende del passato. I consiglieri nazionali dell’Ordine dei giornalisti Mario Guidetti e Roberto Zalambani hanno ricordato che è stata

Marina Macelloni alla presidenza dell’Inpgi per i prossimi quattro anni

È Marina Macelloni la nuova presidente dell’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani (Inpgi) per il quadriennio 2016 – 2020. Designata con 12 preferenze su 14 consiglieri votanti, è la prima donna nella storia dell’Inpgi a ricoprire il ruolo di vertice dell’ente di via Nizza.
Eletta nella Circoscrizione Lombardia in rappresentanza dei giornalisti non pensionati, più volte Consigliere di amministrazione dell’Istituto, Marina Macelloni è giornalista professionista dal 1986 e redattore capo del quotidiano economico Il Sole 24 ore.
La neo presidente, ringraziando il Consiglio di amministrazione per la fiducia, ha voluto ricordare gli importanti impegni che attendono l’ente nei prossimi mesi: il completamento della riforma pensionistica

Minacce a Benedetta Salsi: Facebook rimuove dei post ma non oscura la pagina

Alcuni giorni fa c’era stata una nuova, ferma denuncia della Commissione Pari Opportunità della Fnsi rispetto al persistente rifiuto di Facebook di rimuovere i post offensivi e intimidatori indirizzati alla giornalista Benedetta Salsi del Carlino Reggio. Per ben 35 giorni quei contenuti oltraggiosi sono rimasti sul web. Il colosso dei social media ha ignorato persino un’ordinanza della magistratura italiana che l’8 marzo aveva disposto l’oscuramento di due pagine di stampo islamista per i reati di minacce aggravate e diffamazione a danno della collega reggiana.
Finalmente Facebook ha eliminato una parte di quei post scabrosi, ma ancora non ha oscurato la pagina di “Musulmani d’Italia-Comunità”. Ecco i commenti “a caldo” di Benedetta Salsi.

Una redazione giovane e audace: The Teller diventa anche rivista cartacea

Nato e cresciuto sul web, TheTeller.it è un magazine online ricco di contenuti con una sezione interamente dedicata al territorio. È una voce nuova che dal maggio scorso racconta l’Italia, il mondo e la Romagna grazie all’impegno costante di una giovane redazione. Il team è composto da cinque giornalisti professionisti provenienti dalla Scuola di giornalismo di Bologna: Angelo Russo (direttore responsabile), Valerio Lo Muzio, Lorenzo Mattana, Gerardo Muollo e Emiliano Trovati.
Visti i riscontri positivi della pubblicazione web, i redattori di TheTeller hanno deciso di “sbarcare sulla carta” per produrre anche una rivista trimestrale che riprende settori, rubriche, temi del magazine online e soprattutto propone il punto di vista di “una redazione giovane, ma pronta alle sfide

Al via la “48ore” per la libera informazione a Roma e Reggio Calabria

La Fnsi promuove una serie di eventi in occasione della Giornata mondiale della libertà di stampa (che si celebra il 3 maggio). “48ore per l’informazione” è il titolo dell’articolata iniziativa che la Federazione nazionale della stampa italiana organizza insieme a UsigRai, Articolo 21, Reporters sans Frontieres Italia e Amnesty International Italia il 2 e 3 maggio .
La “maratona” inizia a Roma nella mattinata del 2 maggio con diversi sit-in e flash mob creativi davanti al consolato dell’Iran e alle ambasciate di Egitto e Turchia per ricordare Giulio Regeni, le vicende dei giornalisti Can Dündar e Erdem Gül, del fotografo egiziano Shawkan, del cronista iraniano Saharkhiz e di tanti altri.
Sit-in e flash mob creativi si svolgono in contemporanea (dalle 10 alle 13) davanti

È Giuseppe Pace il nuovo direttore dell’Agenzia di informazione della Regione

Bolognese, 50 anni, dall’inizio di aprile Giuseppe Pace è il direttore dell’Agenzia di informazione e comunicazione della Regione Emilia-Romagna.
Giornalista dal 1994, Pace ha iniziato a fare il cronista a Parma, in due settimanali: Qui Parma e in seguito Polis. Nel 1999 è stato assunto a Bologna dall’Agenzia di stampa Dire e nel 2001 è diventato caporedattore responsabile della sede regionale dell’Emilia-Romagna. Nel 2005 la nomina a direttore della Dire lo ha portato a trasferirsi a Roma e a interrompere la collaborazione con il settimanale l’Espresso, iniziata nel 1998.
Dopo sei anni nella capitale, nell’agosto del 2011 è ritornato a Bologna per assumere l’incarico di direttore del Servizio Informazione e comunicazione istituzionale dell’Assemblea legislativa della Regione
Powered by Warp Theme Framework