Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Una convention europea sull’informazione per parlare di diritti e libertà

Beppe Giulietti di Articolo21e padre Francesco Occhetta s.i. di Civiltà Cattolica concordano su un punto: “è tempo di aprire in Italia e in Europa un’ampia discussione sui diritti e le libertà dell’informazione che riguardi insieme giornalisti e cittadini”.
L’idea ha preso corpo a Bari nell’ambito di un confronto pubblico sull’etica della professione giornalistica, promosso dall’Ucsi Puglia.
La complessità e le contraddizioni del nostro tempo, la gran mole di notizie messe in circolo a getto continuo dalla rete cross-mediale, l’assenza di analisi e la scarsa profondità del lavoro giornalistico minano la stessa credibilità delle notizie e indeboliscono il diritto all’informazione di tutti i cittadini.

È scomparso Santo Della Volpe. L’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna esprime profondo cordoglio

Si è spento Santo Della Volpe, presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana e stimato inviato del Tg3 Rai. Aveva 60 anni e, nonostante la malattia, fino alla fine ha lottato per gli ideali in cui ha sempre creduto: la difesa della libertà di informazione, i diritti dei giornalisti, la tutela dei colleghi più deboli.
L’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna esprime profondo cordoglio per l’inattesa e prematura scomparsa di Santo Della Volpe e desidera ricordarlo riproponendo la sua bella testimonianza pubblicata qualche mese fa nel Dossier Libertà di stampa di questo giornale.

Raccontare la politica ormai è diventato pettegolezzo. L’etica professionale non sta dentro le carte: se c’è, si respira, semplicemente

Politologo, saggista, editorialista del Corriere della sera, Angelo Panebianco è esperto di analisi politica e professore universitario di Scienza politica.
Acuto osservatore delle evoluzioni storico-sociali in Italia e nel contesto internazionale, evidenzia aspetti singolari nella complessa relazione fra politica e media.
Il suo sguardo su deontologia, etica professionale e nuove modalità crossmediali è profondo e disincantato.

Il mestiere del giornalista è fatto di serietà, rispetto, concretezza. Troppi codici deontologici sono segno di inconcludenza e rispecchiano la nostra società

Giulio Anselmi è presidente dell’Ansa dal 2009 e ha al suo attivo una singolare carriera giornalistica. È stato redattore, inviato speciale, editorialista, direttore dei maggiori quotidiani e settimanali nazionali ma pure consulente Rai, direttore responsabile dell’Ansa e per un biennio presidente della Fieg.
Questa conversazione si è svolta a margine del seminario Scrivere per le agenzie. I 70 anni dell’Ansa, promosso da Odg Emilia-Romagna, Ansa e Università di Bologna.

La critica teatrale sta scomparendo. Nel web non tutte le analisi sono attendibili, l’etica è soggettiva e preoccupa la nascita di Stage Advisor

Claudio Cumani è giornalista del settore cultura e spettacoli e critico teatrale del Resto del Carlino.
Nei mesi scorsi è stato relatore in alcuni seminari di formazione dell’Odg Emilia-Romagna a Modena e Bologna dove ha analizzato l’evoluzione della critica sui media tradizionali e nel web.

Sul web e nella blog sfera i giornalisti si devono misurare con due sfide inedite: l’anonimato e la velocità perpetua

Giornalista, scrittore, apprezzato conferenziere, blogger. Luigi Accattoli è stato vaticanista a Repubblica e al Corriere della Sera. Da oltre quarant’anni scrive sul quindicinale Il Regno e collabora con diverse testate, è autore di libri e partecipa a numerosi convegni.
Dal 2006 è attivo anche sul web: ha un blog che funziona come laboratorio per connettere persone, eventi, notizie su questioni religiose, interculturali e crossmediali.

Powered by Warp Theme Framework