Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

FPC: corsi di maggio-giugno

In maggio e nei primi giorni di giugno, l’Odg Emilia-Romagna e la Fondazione dell’Ordine organizzano 29 seminari frontali validi per la Fpc dei giornalisti.

Fra gli eventi formativi (tutti gratuiti) ci sono 9 workshop con patrocinio e crediti dell’Odg, proposti all’interno del DIG Festival di Riccione dal 31 maggio al 2 giugno.
Il 31 maggio:
Pixel di narrazione: come usare i dati per raccontare storie;
La regola delle tre w: il tuo prossimo scoop è già in Internet;
Persone prima che utenti: come usare i dati per conoscere meglio la propria audience.
Il 1° giugno:
Segreti condivisi: come app e social monitorano la tua vita digitale (in lingua inglese);
Voce fuori campo: un “cheatsheet” dell’intervista per professionisti;
La forma è sostanza: l’estetica dell’inchiesta televisiva.
Il 2 giugno:
Giornalisti in prima linea. il caso Afghanistan;
Condom usb: come proteggere il giornalismo dalle malattie digitalmente trasmissibili;
Detective della verità: il toolkit definitivo del giornalista d’inchiesta.

Gli altri seminari vengono realizzati in diverse località della regione, sovente in collaborazione con enti, istituzioni, università, festival, associazioni del territorio. In maggio la Fpc tocca Bologna, Modena, Fiorano Modenese, Reggio Emilia, Ferrara, Faenza, Forlì, Ravenna, Bellaria-Igea Marina, Rimini, Riccione con un’incursione fuori confine: a San Marino.

8 sono i corsi con crediti deontologici: Raccontare le donne migranti. Un approccio interculturale per affrontare violenza e discriminazioni di genere (il 3 a Reggio Emilia), La cronaca politica: limiti etici e deontologia (il 6 a Rimini), Il contrasto alle fake news e la salvaguardia della salute nell’era della post-verità (il 10 a San Marino), Riforme difficili da raccontare: coscienza e deontologia dei giornalisti (il 13 a Bologna), L’informazione giornalistica in Europa. Tra normative europee e culture nazionali (il 17 a Bologna, nell’ambito del ciclo di incontri “Le regole del giornalismo nell’era tecnologica. Normativa europea ed internazionalizzazione dell’informazione”), Il Giro d’Italia: il ciclismo e chi lo racconta. Per un’informazione sportiva di qualità e corretta (il 20 a Bellaria-Igea Marina), Utenti deboli della strada e vittime: comunicare in modo rispettoso (il 24 a Bologna), Clima e informazione: i ruoli e le azioni possibili di istituzioni, cittadini e media (il 25 a Ferrara).

Ulteriori proposte formative approfondiscono aspetti cruciali della professione e numerose intersezioni dell’informazione giornalistica con il nuovo assetto mediale. Si parla di giornalismo nella rete 5.0, di professionalità del cronista e rivoluzione delle tecnologie. Ma anche di storie di leadership travagliate come quelle di cattolici e Papi dal dopoguerra ad oggi e di come raccontare i movimenti di piazza attraverso inchieste, stereotipi, narrazioni, processi. Ampio spazio viene dato all’analisi della realtà socio-politica nazionale e internazionale con uno sguardo particolare sull’Europa. Vengono illustrate le operazioni dell’Esercito Italiano come strumento di politica estera e di sicurezza. Ci si chiede come costruire l’Europa oggi, come comunicare valori e linee di sviluppo e più in generale come comunicare l’Europa tra cittadinanza e globalità con grande attenzione a integrazione europea, cronache di ostacoli e prospettive. Non mancano approfondimenti su ambiente, salute, alimentazione e altre questioni di attualità, interesse, “urgenza”. Si affrontano problematiche della comunicazione scientifica e sociale nel campo del volontariato delle donazioni di sangue, organi, midollo. Vengono rintracciati gli strumenti informativi per raccontare la sostenibilità, comunicare il territorio e l’acqua che mangiamo ma anche per comunicare la filiera agroalimentare e il ruolo della cooperazione tra analisi, dati, fake news. Si analizzano il ruolo del giornalismo ambientale e la cura degli elementi tecnici per uno storytelling funzionale alla corretta informazione.

I programmi dettagliati di maggio e inizio giugno sono visibili nel calendario della Fondazione Odg.
Come sempre, è necessario iscriversi ai seminari sulla piattaforma Sigef.

Franca Silvestri
(29 aprile 2019)

bollcnog okkkkkkkkk
Regolamento per la Fpc in vigore dal 31 maggio 2016 a questo link.
Powered by Warp Theme Framework