Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

FPC: corsi di ottobre

Sono 22 i seminari validi per la formazione professionale continua proposti nel mese di ottobre da Ordine Giornalisti dell’Emilia-Romagna e Fondazione dell’Ordine. Come di consueto la Fpc cerca di raggiungere numerose località della regione per facilitare la partecipazione dei colleghi ma anche per tenere vive le collaborazioni con enti, istituzioni, associazioni, università e altre realtà socio-culturali del territorio, nazionali e “fuori confine”.
I corsi sono tutti gratuiti, eccetto Videomaker da zero, corso base-pratico per realizzare un video per i social, che nell’arco di un’intera giornata coniuga parte teorica, riprese video e parte pratica con montaggio-pubblicazione dei lavori prodotti (il 23 a Bologna, € 50).
L’offerta formativa prevede 6 corsi dedicati a tematiche deontologiche: Prostituzione e tratta umana: l’informazione giornalistica tra ideologie politiche e pregiudizi di genere (il 6 a Ferrara), La lingua di genere nell’informazione (il 19 a Parma), Comunicare la finanza. La nuova Carta dei doveri dell’informazione economica e il ruolo dei media negli eventi economico-finanziari che impattano sul risparmio delle famiglie e sulle scelte di investimento e trading online (il 23 a Bologna), L’informazione tra sport e disabilità: per vincere assieme (il 23 a Fiorentino – Repubblica di San Marino), Uomini e donne che cambiano. Le rappresentazioni di genere nel sistema dei media (il 24 a Bologna, nell’ambito del ciclo “Generi – Linguaggi – Media – Società” realizzato con il patrocinio del Quartiere Santo Stefano, in collaborazione con ISP – Istituto di Studi sulla Paternità) e #UEverofalso. Quante fake news sull’Europa (il 31 a Modena).
Gli altri seminari affrontano questioni rilevanti della vita civile, sociale, culturale, digitale. Vengono indagati e approfonditi argomenti di attualità, i loro riverberi mediatici e l’inevitabile “impatto” che hanno sull’opinione pubblica. Ci si chiede come informare e informarsi tra fake news e scienza, in tema di sanità e salute. Ma anche come raccontare la cultura e il turismo tenendo conto di ruoli e responsabilità di giornalisti e blogger. Si analizzano i casi di mafia nell’informazione, il linguaggio degli avvocati, le buone notizie nell’era dei disastri e delle “false notizie”. Ci si domanda come comunicare (in) una lingua/cultura di minoranza. Ci si confronta su par condicio e informazione istituzionale e sulla figura del giornalista imprenditore di se stesso. Si portano in primo piano i 50 anni di Avvenire, un quotidiano importante nella storia della stampa cattolica emiliano-romagnola, ma anche figure emblematiche della storia di Bologna come Mario Finzi e le sue vicissitudini al tempo delle Leggi Razziali del 1938. Attualissimo e di grande interesse è il ciclo di corsi dedicato a “Tecnologie digitali e giornalismo” organizzato insieme a Regione Emilia-Romagna e Lepida, che questo mese tocca Rimini (il 5 – Reti, Banda Larga e WiFi), Parma (il 12 – Smart City), Reggio Emilia (il 19 – Digitale e Sociale) e Ravenna (il 26 – Cyber Security).
I programmi dettagliati del mese di ottobre sono visibili nella pagina della Fondazione Odg.
Come sempre, è necessario iscriversi ai seminari sulla piattaforma Sigef, dove già sono presenti o in corso di pubblicazione nuove proposte autunnali (le iscrizioni aprono in base al calendario previsto).
Franca Silvestri
(30 settembre 2018)

bollcnog okkkkkkkkk
Regolamento per la Fpc in vigore dal 31 maggio 2016 a questo link.
Powered by Warp Theme Framework