Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

La formazione come valore e strumento di benessere. Il Vicepresidente dell’Odg regionale Emilio Bonavita a colloquio con Enzo Spaltro, illustre Psicologo del Lavoro

L’impegno costante della Fondazione dell’Ordine dei Giornalisti è incentrato sulla proposta di nuovi e sempre più interessanti corsi di formazione da presentare all’attenzione dei colleghi dell’Emilia-Romagna. Quella della “formazione” si è sviluppata nel tempo come un’attività sempre più impegnativa e coinvolgente, fino a diventare ormai, per chi se ne occupa, un lavoro permanente.
Un susseguirsi di incontri e contatti per ideare nuovi momenti formativi o riproporre corsi che hanno registrato un elevato indice di gradimento e che i colleghi chiedono di replicare in altre città della regione. Un impegno che va da Piacenza a Rimini e che ha visto nell’anno passato la realizzazione di 180 incontri in tutto il territorio regionale. Dal 2014 a tutt’oggi la Fondazione ha organizzato circa 800 corsi gratuiti con una media di presenze di 96 colleghi per incontro: si tratta di uno sforzo organizzativo notevole sia per le esigue risorse sia per lo sparuto gruppo di coloro che si impegnano gratuitamente in questa attività.
Alcuni possono pensare che questi corsi siano noiosi o inutili e qualche collega “saputello” ritiene di essere al di sopra della necessità di formazione e di dover partecipare solo per ottenere i crediti formativi, obbligatori per legge, per non andare incontro a sanzioni da parte del Consiglio di Disciplina dell’Ordine. Questo atteggiamento riguarda in particolar modo i corsi sulla deontologia, infatti c’è chi reputa che per svolgere correttamente la professione le carte deontologiche siano solo una bizzarra autocensura per la categoria. Al contrario, la deontologia è l’indispensabile biglietto da visita dei giornalisti, è il complesso delle regole che ci differenziano dal mare di “chiacchieroni” che affollano il Web, è il riferimento indispensabile per una “buona” comunicazione e la garanzia per il lettore di “essere correttamente informato”, come recita la Costituzione.
La formazione diventa quindi uno strumento di democrazia per la democrazia. In un recente incontro con lo Psicologo del Lavoro professor Enzo Spaltro (giornalista direttore di Psicologia e Lavoro), ci siamo soffermati proprio su alcuni aspetti della formazione.

Professore, cosa è per lei e cosa deve essere per noi giornalisti la formazione permanente e continua?
«La Formazione è sicuramente comunicazione, ma è soprattutto connessione, cioè invenzione di relazione e sviluppo di diversità o diminuzione di disuguaglianza, è un acceleratore dello sviluppo che consiste nel raggiungimento di un benessere soggettivo e diffuso. La Formazione crea valore come traghettatore da una cultura ad un’altra per uscire dalla palude del presente, per saper affrontare il mistero del futuro».

Cosa intende per benessere?
«Il benessere è la capacità di esprimere e esprimersi. Questa possibilità/capacità di esprimersi può essere considerata una caratteristica base per una società benestante. Invece l’impossibilità e l’incapacità di esprimere e di esprimersi è la repressione caratteristica di una società malestante».

Come può la formazione creare benessere?
«La formazione permette di generare valore condiviso ed è quindi un moltiplicatore di valore, un acceleratore di benessere. Per dire come la formazione contribuisce alla creazione del valore e dei valori, occorre partire direttamente dal benessere e mettere a punto una formazione positiva diretta a creare benessere. Aggiungendo poi la nuova evidenza del capire che “vale” più del sapere».

Cari colleghi, quanto espresso dal professor Spaltro ci sostiene nel lavoro quotidiano svolto con impegno per offrire una formazione di qualità, che ha inoltre il valore aggiunto di creare l’opportunità di incontrarci, fare comunità e discutere in prima persona dei problemi che affliggono oggi la nostra categoria.
Concludendo, dobbiamo “imparare ad imparare”, nessuno è escluso.

Emilio Bonavita
Vicepresidente del Consiglio regionale dell’Odg Emilia-Romagna
(15 aprile 2019)
Powered by Warp Theme Framework