Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Diritto ed Informazione: regole del giornalismo fra vecchi e nuovi media

Viaggio dentro i problemi dell’informazione, così può essere definito Quaderni di Diritto ed Informazione (pubblicato da Bonomo Editore) che raccoglie i contributi originali di Carlo Berti, Giusy Ferro, Massimo Gagliardi, Barbara Grazzini, Giovanni Rossi, Claudio Santini e Guido Clausi-Schettini.
Il libro è frutto del seminario di formazione Le regole del giornalismo nel quadro normativo italiano, svoltosi fra marzo e maggio 2018 a Bologna e realizzato con la collaborazione del Consiglio regionale dell’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna e il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Unibo – corso di Diritto della Comunicazione. Un viaggio che approfondisce le questioni etico-deontologiche di un mestiere oggi messo in discussione, sia per vicende storiche e di cronaca, che hanno colpito in credibilità e autorevolezza la professione, sia per i cambiamenti socio-culturali e tecnologici che hanno messo in crisi l’attività giornalistica; ma nonostante tutto un mestiere che rimane fondamentale in un sistema democratico.
Quaderni di diritto ed Informazione offre perciò un contributo inedito alla ridefinizione della professione, fra il dibattito deontologico e gli Stati Generali dell’Editoria, costruendo un percorso comune fra giornalisti, avvocati e giuristi (il primo in Italia), affrontando precise ipotesi sui principali problemi di assetto organizzativo e di etica professionale sia da un punto di vista storico, richiamando i fatti cruciali che hanno portato alla ribalta i problemi deontologici, sia normativo, nella cornice del quadro costituzionale italiano, sia di attualità, con trattazioni apparentemente estemporanee su argomenti attualissimi come la privacy e l’informazione nell’era di internet.
Un lavoro frutto di una, due e più mani, ognuna con competenze specifiche: più mani, quelle dello studioso dell’informazione e del giurista accademico per assicurare un impianto, il più possibile, storicamente e scientificamente corretto; quelle dei giornalisti, di varie estrazioni, per l’essenziale corredo di esperienze concrete e di immediato rapporto con la prassi giornalistica; quelle degli avvocati, per inquadrare i problemi della professione dalle sentenze di legittimità e di merito all’ambito della legislazione più aggiornata.
Una sfida dunque non facile (iniziata nel 2015 con due convegni realizzati insieme ai colleghi Antonio Farnè e Carlo Vietti e all’Ordine degli Avvocati di Bologna), tra le cui righe il lettore troverà innegabili differenze. Però, crediamo, una contaminazione fruttuosa ed originale che aiuta ad affrontare da un punto di vista culturale, politico ed istituzionale il problema fatidico (ancor più pressante nell’era di internet e delle fake news) dell’etica giornalistica e di una sua regolamentazione.
Destinato a giornalisti ed avvocati, Quaderni di diritto ed Informazione è strutturato per svilupparsi in una rivista specializzata; uno strumento nell’ambiente giuridico e dell’informazione che oggi manca, un luogo di confronto ed incontro che favorisca e qualifichi l’attività formativa e il dibattito in corso a livello nazionale ed internazionale. È disponibile in formato cartaceo (euro 10,00) e a breve anche in formato digitale (euro 4,90) e si può richiedere dal sito www.bonomoeditore.com oppure inviando una mail a aoridini@bonomoeditore.com. È reperibile anche su Amazon.it.
Carlo Berti
Giusy Ferro
(29 luglio 2019)
Powered by Warp Theme Framework