Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Posts Taggati ‘i nuovi vertici dell’odg nazionale’

È Carlo Verna il presidente del Consiglio nazionale dell’Odg per il triennio 2017-2020. Eletti anche la vicepresidente Elisabetta Cosci, il segretario Guido D’Ubaldo e il tesoriere Nicola Marini. Designati i componenti del Comitato Esecutivo e il Collegio Revisori dei Conti. Nominato il Consiglio di disciplina nazionale

Carlo Verna è il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti per i prossimi tre anni. È stato eletto il 25 ottobre durante la riunione di insediamento del nuovo Cnog. Nella stessa seduta sono stati eletti anche la vicepresidente Elisabetta Cosci (prima donna a rivestire questo ruolo), il segretario Guido D’Ubaldo e il tesoriere Nicola Marini (per la quarta volta designato per questa carica).
Nella riunione della seconda giornata (26 ottobre) il nuovo Consiglio nazionale ha invece designato i componenti del Comitato Esecutivo e il Collegio Revisori dei Conti.
Il terzo giorno di riunione del Cnog (27 ottobre) sono stati eletti i cinque componenti del Consiglio di disciplina nazionale competente sui ricorsi in materia disciplinare.

Carlo Verna è il presidente del Cnog per il triennio 2017-2020. Vicepresidente Elisabetta Cosci, segretario Guido D’Ubaldo, tesoriere Nicola Marini

Carlo Verna è il nuovo presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. È stato eletto, al primo turno, nel corso della riunione di insediamento del Consiglio scaturito dalla tornata elettorale dei primi di ottobre.
Nella stessa seduta sono stati eletti anche la vicepresidente Elisabetta Cosci (prima donna a rivestire questo ruolo), il segretario Guido D’Ubaldo e il tesoriere Nicola Marini (per la quarta volta designato per questa carica).

La prima dichiarazione programmatica di Carlo Verna. Querele temerarie, precarietà e retribuzioni sono le sfide prioritarie per il nuovo presidente nazionale dell’Odg

“Il Giornalismo ha una funzione sociale estremamente rilevante per il Paese e per la qualità della vita degli italiani. Ci sono temi prioritari: in primis difendere i giornalisti, tutti hanno diritto a vivere senza il peso delle minacce, ma quando si minaccia un giornalista si minaccia lo Stato, la funzione sociale che ricopre. La scorta mediatica, che noi fortemente promuoveremo, non è al giornalista, ma al cittadino come diritto ad essere informato, una scorta alla democrazia del Paese. Non a caso sono onorato e ho fortemente voluto che la prima intervista me la facesse un collega come Paolo Borrometi, a cui mi lega amicizia autentica e profonda stima”. Ha le idee ben chiare e un grande carico di aspettative il nuovo Presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna.
Alla fine dei tre giorni che lo hanno eletto con un’ampia maggioranza (al primo turno), Verna parte da temi condivisi e da istanze reali del mondo degli iscritti all’Ordine. “Ci vuole il coraggio di cambiare – spiega -, questa tre giorni è stata difficilissima e sono particolarmente orgoglioso, ad esempio, di aver portato per la prima volta una donna come vicepresidente, una scelta fondamentale”.

È Carlo Verna il presidente del Consiglio nazionale Odg per il mandato 2017-2020

Carlo Verna, 59 anni, napoletano, in forza al Tg Campania della Rai, nonché voce storica di Tutto il calcio minuto per minuto e del nuoto, è il nuovo presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti. È stato eletto al primo turno, andando ben oltre la maggioranza qualificata dei tre quinti richiesta avendo riportato 46 voti su 59 consiglieri presenti nella riunione d’insediamento del Cnog.
Nel 1976 ha concluso gli studi classici, diplomandosi al Genovesi di Napoli col massimo dei voti; nel 1981 si è laureato, con 110 e lode, in Giurisprudenza all’Università Federico II. Nello stesso anno ha vinto il concorso per una borsa di studio alla Rai, dove è stato definitivamente assunto nel 1986 ai servizi giornalistici, dopo esperienze anche come programmista-regista.
Powered by Warp Theme Framework