Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Uffici stampa comunali: un “patto” di collaborazione fra Odg, Aser e Anci regionale

Collaborazione sui bandi per uffici stampa, corsi congiunti per addetti stampa, informative periodiche ai Comuni e un’ipotesi di protocollo regionale: sono i temi discussi nell’incontro fra una rappresentanza di giornalisti e il nuovo presidente dell’Anci regionale.
Il neo presidente Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) Michele de Pascale era accompagnato dal direttore Fabrizio Matteucci.
La delegazione di categoria era composta dai presidenti dell’Ordine, Giovanni Rossi, e dell’Aser (il sindacato unitario), Serena Bersani, e da Fabrizio Piccinini del Gruppo Uffici Stampa Aser. «È stato un incontro decisamente positivo, perché abbiamo trovato un interlocutore preparato e disponibile», commenta Rossi; «ci sono tutte le condizioni per continuare a collaborare nel solco del protocollo nazionale fra Anci e Fnsi», afferma Bersani; «l’incontro – sottolinea de Pascale – è stato utile sotto molti profili, a partire dalla ricerca delle condizioni migliori per assicurare ai cittadini le forme più efficaci e trasparenti di informazione sull’attività dei Comuni».
Il primo obiettivo di Aser e Ordine regionale è un bando-tipo da inviare all’Anci, che tenga conto di obblighi di legge quali, per esempio, l’iscrizione e la contribuzione all’Inpgi (l’istituto di previdenza dei giornalisti) e i crediti triennali previsti dalla Formazione Professionale Continua (FPC).
In fatto di formazione, si studierà poi un corso con esperti dell’Anci, da ripetere nelle varie province, dedicato in particolare agli addetti stampa, ma rivolto anche ai cronisti che seguono le amministrazioni comunali.
Riguardo i bandi, Ordine e sindacato hanno anche sollecitato la presenza di almeno un giornalista nelle commissioni selezionatrici.
Saranno inoltre inviate periodiche comunicazioni a tutti i Comuni associati – 310 in Emilia-Romagna – per ricordare i vari aspetti della materia, dalla legge ordinistica alla 150 del 2000 fino alle ultime norme che hanno introdotto la figura del “giornalista pubblico”.
Le parti convengono infatti che elevare sempre più la professionalità negli uffici stampa pubblici, rispettando doveri e diritti degli addetti e degli enti, sia interesse primario e convergente sia dei cittadini sia degli amministratori, nonché dei lettori.
Per questa ragione, Ordine e Associazione Stampa Emilia-Romagna intendono incontrare anche i rappresentanti delle altre pubbliche amministrazioni e avviare lo stesso confronto in corso con l’Anci.
(19 luglio 2018)
Powered by Warp Theme Framework