Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Slider Primo Piano

Notificato l’avviso di fine indagini per il fallimento del quotidiano La Voce di Romagna. Ipotizzato dagli inquirenti un intreccio di azioni da parte della proprietà che hanno creato grave danno ai lavoratori. La difesa: “Si chiarirà che tutto è stato fatto in buona fede”

Riceviamo dal collega Paolo Facciotto, già componente del Comitato di redazione della “Voce di Romagna”, e volentieri pubblichiamo.

Bancarotta fraudolenta aggravata da danno patrimoniale di rilevante gravità, in concorso fra più persone. Malversazione ai danni dello Stato. False comunicazioni sociali. Omesso versamento di ritenute. Sono i reati che il sostituto procuratore di Rimini, dottor Luca Bertuzzi, contesta – con profili diversificati – al quartetto composto dall’ex editore della “Voce” Gianni Celli, suo figlio Camillo, il nipote Gabriele Domeniconi e il giornalista Raimondo Baldoni. Lo si apprende dall’avviso di fine indagini che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. Leggi tutto

Fiol d’un asen. Commento di Claudio Santini, presidente del Cdt regionale, dopo il presidio del 13 novembre davanti alla Prefettura di Bologna contro gli insulti alla libera stampa

Sono state principalmente due le sollecitazioni che mi hanno indotto a partecipare al presidio – davanti alla Prefettura di Bologna – a sostegno della libertà di stampa, ultimamente sottoposta ad attacchi anche forsennati in particolare dalla forza governativa dei Cinquestelle. La prima è di natura professionale per valutare (come presidente del Consiglio di disciplina territoriale) la fondatezza o meno delle feroci critiche alla sola ipotesi di procedimenti deontologici nei confronti del giornalista professionista Rocco Casalino e del pubblicista Luigi Di Maio. La seconda è invece legata alla mia età anagrafica che mi permette di testimoniare sul tempo di soppressione della libertà di stampa, durante il Fascismo, e su quello, poi, di riconquista della libertà di opinione che apre l’articolo 21 della Costituzione. Leggi tutto

Il Resto del Casino lotta per rimanere un patrimonio comune. Il suo fondatore e direttore Roberto Botti crede che essere autonomi e impegnarsi nella nascita e nella conservazione di piccole realtà editoriali sia una strada da indicare ai giovani giornalisti per fare crescere oggi quello che potrebbe divenire un bene di tutti domani

Il Resto del Casino nasce nel 2001 come secondo giornale di satira in Italia e fa da contraltare al livornese Il Vernacoliere. Lo spunto è quello de Il male che negli anni ’70 attirò lo stupore, davanti alle edicole, con titoli inverosimili ma apparentemente veritieri come Tognazzi è il capo delle Brigate rosse oppure Sono sbarcati i marziani. Leggi tutto

Martiri di carta. I giornalisti caduti nella Grande Guerra di Pierluigi Roesler Franz ed Enrico Serventi Longhi. Presentazione del volume e ricordo di due colleghi-eroi a Reggio Emilia, seminario con gli autori accreditato dall’Odg a Modena

Martiri di carta racconta la storia di 264 giornalisti italiani morti nel corso della Prima Guerra mondiale. Trentuno erano della nostra regione. In memoria degli “inviati-eroi” emiliano-romagnoli il 5 novembre scorso si sono svolti due eventi. A Reggio Emilia sono stati celebrati e “insigniti” i caduti Mario Borghi e Giovanni Modena. Il seminario Martiri di carta. Giornalisti nella Grande Guerra tra informazione, eroismo e propaganda (valido per la Fpc) ha invece portato a Modena gli autori del libro per una testimonianza-confronto con esperti, giornalisti e rappresentanti dell’Ordine. Leggi tutto

È un cattivo giornalista chi non pubblica una notizia

Il presidente Enzo Iacopino nel corso dell’audizione dell’Ordine dei giornalisti alla Commissione Giustizia della Camera dei Deputati, che ha interessato i direttori delle principali testate e la Fnsi, ha messo in guardia dai rischi contenuti nella proposta di delega al Governo a emanare prescrizioni in tema di pubblicazione di intercettazioni.
Nel richiamare le pronunce della Cedu che ha condannato le sanzioni nei confronti dei giornalisti che hanno pubblicato finanche intercettazioni illegali, il presidente Iacopino ha sottolineato che è dovere dei giornalisti fornire le notizie e che essi non possono essere i custodi dei segreti procedimentali.
La deontologia professionale pone a carico

Nuovo Massimario dell’Ordine Giornalisti

È stato presentato il 13 maggio scorso al Consiglio nazionale il Massimario 2014, che contiene le deliberazioni consiliari in tema di tenuta dell’Albo e le decisioni in materia disciplinare del Consiglio nazionale di disciplina. Anche questa edizione è stata curata dal consigliere Elio Donno, cui è andato il sentito ringraziamento dei colleghi per il professionale impegno e la particolare cura che dedica a questo prezioso strumento, non solo di conoscenza, ma di indirizzo delle attività di competenza dell’Ordine dei giornalisti.
Come ha sottolineato il Presidente Enzo Iacopino, nella cerimonia di presentazione, si tratta di un opera che travalica l’ambito

Le “invenzioni” affettive di Gianluca Nicoletti

Dopo aver raccontato in modo struggente come ha imparato a fare il padre di un bimbo autistico (Una notte ho sognato che parlavi), Nicoletti torna in libreria con un libro toccante dove si interroga sul destino del figlio Tommy quando rimarrà da solo. Alla fine qualcosa ci inventeremo è il titolo del volume, pubblicato da Mondadori, in cui si susseguono incessanti e accorate le domande del padre-scrittore.
Che ne sarà di Tommy domani? Chi se ne occuperà quando i genitori non avranno più le energie per camminargli accanto? Chi potrà arginare le ansie, le crisi di quell’omaccione-bambino dalla forza incontrollabile?

Nessun finanziamento a chi sfrutta i giornalisti

Questo il contributo dell’Odg inviato dal presidente Enzo Iacopino al sottosegretario onorevole Luca Lotti, dopo la riunione del “tavolo dell’editoria”.
Illustre Sottosegretario,
raccogliendo l’invito da Lei rivolto in occasione della riunione del 12 u.s. (il “tavolo sui problemi dell’editoria”), Le invio un contributo per la messa a punto del provvedimento che ha intenzione di predisporre.
Ribadisco ancora una volta una posizione diversa da quella di quasi tutti i presenti, legittimamente preoccupati della possibilità di ottenere nuove risorse pubbliche.
I contributi sono utili, in molti casi necessari

Ai Marconi Radio Days 2015 3 corsi Fpc per i giornalisti

“Quando la comunicazione è protagonista”. Questo il titolo e lo slogan della XI edizione dei Marconi Radio Days, l’attesa manifestazione sulla radio e dintorni che si svolgerà a Sasso Marconi dal 15 al 24 maggio. Premi, spettacoli, workshop, eventi, seminari di formazione “con i grandi comunicatori del nostro tempo”.
Marconi Radio Days è un appuntamento ormai consolidato e singolare nel panorama culturale italiano, dedicato ai linguaggi e alle tecnologie della comunicazione, che mette in sinergia istituzioni locali e imprese nell’organizzazione di un piccolo “festival della comunicazione” nel nome di Guglielmo Marconi.

Premio giornalistico Gaspare Barbiellini Amidei

Ottava Edizione del concorso intitolato a Gaspare Barbiellini Amidei, riservato a giovani giornalisti professionisti, pubblicisti, praticanti, freelance e allievi delle scuole di giornalismo under 35 che si sono distinti nel raccontare l’Italia e l’Europa contemporanee con gli occhi di chi si affaccia alla professione. Le iscrizioni sono aperte fino al 15 giugno.
Il Premio 2015 è rivolto ai servizi pubblicati o trasmessi su testate italiane e della Svizzera italiana tra il 1° gennaio 2014 e il 15 giugno 2015 su “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”. La Giuria valuterà, il miglior articolo pubblicato su quotidiani, periodici e web
Powered by Warp Theme Framework