Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Slider Primo Piano

Consulta dei Presidenti e Vicepresidenti degli OdG Regionali. Per la Revisione degli Albi dell’Ordine un nuovo punto di riferimento: la formazione e i crediti

Come tutti gli anni, il Consiglio dell’Ordine deve svolgere, secondo l’art. 41 della legge n. 69 del 1963 (legge che regola l’ordinamento della professione giornalistica), la “Revisione degli Albi” per constatare le eventuali inattività degli iscritti, sia giornalisti professionisti che giornalisti pubblicisti, come ribadito anche dall’art. 30 del D.P.R. n. 115 del 1965 che recita al primo comma: “Il Consiglio Regionale o Interregionale provvede alla tenuta dell’Albo e deve almeno ogni anno curarne la revisione”. Dell’argomento si è discusso nella riunione della Consulta dei Presidenti e Vicepresidenti tenutasi a Roma nella sede dell’Ordine Nazionale il 7 maggio 2019. Leggi tutto

Finalissima del concorso Il giornale e i giornalismi nelle scuole 2019. Studenti di tutta Italia e giornalini scolastici premiati a Cesena dall’OdG nazionale

La cerimonia di premiazione del concorso Il giornale e i giornalismi nelle scuole, promosso dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, si è tenuta la settimana scorsa a Cesena alla presenza di circa 700 studenti e insegnanti provenienti da tutta Italia. Il premio è nato sedici anni fa quale strumento d’arricchimento informativo-comunicativo e di modernizzazione del linguaggio. Grazie alla collaborazione della Amministrazione comunale di Cesena, e al lavoro del consigliere regionale dell’Ordine Michelangelo Bucci, i due appuntamenti finali del concorso 2019 sono stati ospitati dalla città romagnola per il quarto anno consecutivo. Leggi tutto

Dalle pagine del quotidiano Libero una pessima prova di giornalismo. Le persone vanno rispettate, sempre, anche nel dissenso. La nostra deontologia è chiara e va seguita

Ancora una volta Libero scrive una (prima) pagina raccapricciante di “giornalismo”. E ancora una volta se la prende con uno dei suoi obiettivi preferiti, insieme a immigrati e omosessuali: le donne. A farne le spese, stavolta, è Greta Thunberg, la giovane attivista svedese che ha ispirato milioni di ragazzi, scesi in piazza in tutto il mondo contro il cambiamento climatico. Ma per Libero Greta è una “rompiballe”, come è stata definita nel titolo d’apertura del 18 aprile in occasione dell’incontro della ragazza col Papa. Leggi tutto

13 marzo 1979: attentato alla sede bolognese del Sindacato stampa e tragica morte di Graziella Fava. 40 anni dopo la testimonianza critica di Claudio Santini

Il fumo che seguì l’incendio per terrorismo all’Assostampa di Bologna il 13 marzo 1979 non asfissiò solo la sventurata Graziella Fava, ma tolse il respiro al desiderio di verità, oscurò l’inchiesta sugli esecutori e sui mandanti di quell’assurdo e tragico “atto politico”. L’indagine giudiziaria infatti fu soffocata da altri drammatici eventi che percorsero la nostra vita nazionale e locale e si concluse con una sconcertante archiviazione “perché ignoti gli autori del reato”. Nessun colpevole, nessuna chiarezza, dunque, solo nebbia. Leggi tutto

La “Storia di Carla” raccontata da Federica Iacobelli

Carla vive “la malattia di quelli che avevano fra i venti e i trent’anni quando il 2000 è arrivato”: eterni adolescenti che combattono con “paura dell’abbandono e spaesamento”. Generazione che fa i conti con una cronica precarietà lavorativa e affettiva. Ed è in un momento particolarmente difficile della sua vita che la protagonista lascia la sua carriera (mai decollata) di attrice, si trasferisce a Parigi e diventa “la lectrice” di Madame Dubois: un’anziana a cui la poliomielite ha tolto la gioventù e l’amore. Carla ha deciso di mettere a disposizione la sua voce per leggere una lunga lista di romanzi scelti da Madame. Ma è proprio in quei pomeriggi di lettura in Rue de Gourmont che “la lectrice” sarà costretta a fare i conti con le questioni

Tre libri di Serena Bersani su Bologna: luoghi magici, malavita e donne eccelse

È una città con tanti volti Bologna. Con tante storie, figure insolite, luoghi magici nascosti fra vicoli e palazzi, fra piazze e torri, fra i gesti quotidiani della gente felsinea. Occorre sensibilità e “naso” per cogliere profumi, sfumature, chiaroscuri e vicende che disegnano il profilo di una città che ancora si può vivere e amare.
Serena Bersani è scrittrice prolifica. Ben tre opere (edite da Newton Compton Editori) sono scaturite dalla sua penna lieve e incisiva negli ultimi anni.
Il più recente (uscito pochi mesi fa) è Il giro di Bologna in 501 luoghi. Una guida singolare che conduce fra le strade e i vicoli di una Bologna inedita e mostra la città “come non l’avete mai vista”.

Uno sportello online per il lavoro autonomo

Un nuovo strumento al servizio dei giornalisti e delle giornaliste che svolgono la loro attività nelle diverse forme di lavoro autonomo contemplate dall’ordinamento normativo in materia. Un servizio gratuito, fruibile sul web, pensato per offrire alle iscritte e agli iscritti alle Associazioni regionali di stampa una sorta di primo soccorso cui far riferimento per le tante concrete esigenze della vita di tutti i giorni.
O meglio: una serie di servizi dedicati ai lavoratori autonomi e parasubordinati che vanno dalla consulenza e assistenza sulle questioni contrattuali, previdenziali, assistenziali e fiscali, ad un corposo e sempre aggiornato elenco di materiali utili, faq, documenti e focus di approfondimento, fino ad una raccolta delle notizie

Una guida d’autore per vivere Bologna uscita dalla penna di Blesio e Olivieri

Si intitola Grand Tour Bologna il gradevole libro-guida scritto a quattro mani dalle giornaliste Francesca Blesio e Giorgia Olivieri, appena pubblicato da Pendragon con il patrocinio del Comune di Bologna. Tante indicazioni per scoprire o riscoprire il capoluogo emiliano. Una guida “anche sentimentale” per orientarsi in città.
Il volume è dedicato ai turisti italiani e stranieri (in autunno dovrebbe uscire pure un edizione in inglese) ma può essere di interesse anche per i bolognesi poiché propone curiosità, luoghi insoliti, atmosfere e tante novità di questi ultimi anni.
Una sorta di “guida d’autore per vivere la città da bolognesi” con indicazioni storico-artistiche (biblioteche, canali, luoghi simbolo)

Concorsi giornalistici in scadenza ad agosto

Scade il 12 agosto, anniversario della strage di Sant’Anna di Stazzema, il termine per partecipare al premio “Giustizia e verità – Franco Giustolisi”, indetto dal Comune di Stazzema per premiare il giornalismo d’inchiesta e ricordare la memoria del collega scomparso lo scorso novembre che di Stazzema era cittadino onorario.
L’obiettivo è promuovere la cultura del giornalismo d’inchiesta tra i giovani cronisti.
Al concorso si può partecipare con un’inchiesta giornalistica sul tema della verità, della giustizia e della pace comunque realizzata e pubblicata (televisione, radio, giornali, libro, web) a partire dal 12 novembre 2014.

Inpgi 2: assistenza sanitaria per freelance e co.co.co.

Un particolare profilo di assistenza sanitaria, senza alcun onere economico a carico del singolo giornalista, è dedicato agli iscritti all’Inpgi 2 e finanziato con una quota dei proventi del patrimonio della Gestione separata Inpgi. Lo ha deciso all’unanimità il Comitato amministratore dell’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani con una delibera che verrà inviata per l’approvazione ai Ministeri vigilanti.
Per sottolineare l’importanza del provvedimento, alla riunione del Comitato amministratore è intervenuto anche il segretario generale della Federazione nazionale della stampa Raffaele Lorusso, che ha espresso l’impegno del sindacato dei giornalisti – d’intesa con Inpgi, Casagit e Fondo pensione complementare – sul fronte
Powered by Warp Theme Framework