Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Slider Primo Piano

Piena solidarietà dell’OdG al collega Valerio Lo Muzio. “Vicenda incredibile, comportamenti inaccettabili” per il Presidente dell’Ordine regionale Giovanni Rossi

Trovandosi all’estero, il Presidente del Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna, Giovanni Rossi, non ha potuto essere presente alle iniziative di solidarietà con il collega Valerio Lo Muzio, ma gli esprime – in una dichiarazione e a nome di tutto il Consiglio – piena solidarietà di fronte a una vicenda del tutto inammissibile che ha perfino dell’incredibile.
Questa la dichiarazione: “Quanto accaduto al videomaker di Repubblica ci dice a che punto di degenerazione è giunta certa politica nel rapporto con i professionisti dell’informazione. Leggi tutto

Un cronista scomodo tra informazione, legalità, cultura, formazione. La “vicenda” di Donato Ungaro incontra il teatro. In luglio a Roma il premio di Articolo21

“Per primo ha svelato la presenza della ‘ndrangheta a Brescello, in Emilia”. Insieme a lui, il drammaturgo-regista Marco Martinelli e l’attrice protagonista Ermanna Montanari, “nonostante boicottaggi e forme indirette d’intimidazione, continuano a portare in tournee le pièce tratte dal suo racconto” (il corto teatrale Saluti da Brescello e lo spettacolo corale Va pensiero). Con questa motivazione l’Associazione Articolo21, il 15 luglio, ha assegnato uno dei premi 2019 al giornalista Donato Ungaro e ribadito il suo costante impegno per giustizia, legalità, verità, contrasto di mafie e malaffare. Leggi tutto

Trasferimento del Master in Giornalismo di UniBo in Santa Cristina con posa della lapide-ricordo di Ezio Cesarini. Pubblicato il bando per il biennio 2019-2021

Nuova sede e nuovi indirizzi di specializzazione per il Master in Giornalismo dell’Università di Bologna, che ha appena reso pubblico il bando di ammissione al biennio 2019-2021 (su una pagina dedicata nel sito del Master).
Quello di UniBo è un master di primo livello, riservato a chi è in possesso almeno di una laurea triennale, sostitutivo dei 18 mesi di praticantato necessari per poter sostenere l’esame da giornalista professionista. Rientra, infatti, tra le 12 scuole italiane riconosciute dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.
Per il prossimo biennio il Master sarà ospitato nel complesso di Santa Cristina “della Fondazza”, l’ex monastero delle monache camaldolesi di piazzetta Giorgio Morandi. Leggi tutto

Master in Giornalismo dell’Università di Bologna 2019-2021. Online bando di ammissione e video-info. Scadenza domande per le selezioni 5 settembre 2019

È stato pubblicato il nuovo bando di ammissione per il Master in Giornalismo dell’Università di Bologna (biennio 2019-2021), riconosciuto dall’Ordine dei Giornalisti nazionale, sotto la direzione accademica del professor Fulvio Cammarano.
La sua frequenza equivale ai 18 mesi di praticantato necessari per poter sostenere l’esame di stato da giornalisti professionisti. Un PROMO-VIDEO illustra i principali contenuti dell’offerta formativa per la nuova edizione del Master biennale.
Il piano didattico affianca a corsi come la deontologia, la storia e il diritto, numerosi approfondimenti sui nuovi media, sugli uffici stampa e su tutte le declinazioni specifiche del giornalismo moderno (culturale, sportivo, religioso, economico, ecc). Leggi tutto

Premio giornalistico Miriam Mafai

Seconda edizione del concorso dedicato alla giornalista, scrittrice e politica italiana, scomparsa nel 2012.
L’Associazione Stampa Romana – in collaborazione con Ordine dei giornalisti del Lazio, Fnsi, Associazione Miriam Mafai, Gruppo Editoriale L’Espresso – promuove l’edizione 2015 del premio. Le domande devono essere inviate entro il 24 aprile.
Miriam Mafai diceva del lavoro del giornalista: “Il bello del nostro mestiere è nello stare giorno per giorno dentro le cose, capire o cercare di capire tutto ciò che di nuovo si manifesta in tutte le pieghe della società: essere i testimoni e i garanti del possibile che emerge.

A Bologna il giornalismo con Libera contro le mafie. Della Volpe: “Se condizionata non è informazione”

Il mondo del giornalismo al fianco di Libera nelle Giornate dell’Impegno e della Memoria delle vittime di mafia (21 e 22 marzo), nel ricordo dei 9 giornalisti uccisi dalle mafie dal dopoguerra a oggi.
La Federazione nazionale della stampa italiana ha partecipato – con il suo presidente Santo Della Volpe – alla marcia che ha attraversato Bologna per ricordare le vittime della criminalità organizzata e a due seminari su informazione, inchieste e presenza mafiosa in Emilia-Romagna, che si sono svolti nel pomeriggio del 21 marzo.

Lotta alla mafia. Il presidente dell’Odg Enzo Iacopino chiede un registro dei proprietari di testate

“Abbiamo la necessità di sapere di chi sono i giornali, di capire quali sono le reali proprietà e non solo nel Sud, perché la criminalità è ovunque. Nel 2012 un giornale della Campania ha pubblicato per due giorni le foto di un cadavere che galleggiava nell’acqua di un laghetto: era l’esponente di una delle cosche della zona. L’istituzione di un registro non è limitativa della libera iniziativa ma una tutela dei cittadini”.
Queste le parole del presidente del Consiglio nazionale dell’Odg Enzo Iacopino, che durante un’audizione in Commissione Bicamerale Antimafia ha richiesto

Fnsi: Lorusso e Della Volpe invitano i colleghi a firmare la petizione online #menogiornalimenoliberi

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana ha aderito alla campagna #menogiornalimenoliberi. Il Segretario generale Raffaele Lorusso e il Presidente Santo Della Volpe hanno inviato al Consiglio nazionale, alla Giunta Esecutiva e alle Associazioni regionali di stampa una lettera aperta nella quale invitano a firmare e far circolare tra i colleghi la petizione online.
La Fnsi – insieme a Alleanza delle Cooperative Italiane Comunicazione, Articolo 21, Mediacoop, Fisc, File, Sindacato Lavoratori Comunicazione Cgil, Associazione Nazionale stampa online, Unione Stampa Periodica Italiana – ha aderito alla campagna

Premio Chiara Baldassari

Al via la IV edizione del concorso nazionale rivolto a donne che operano nel settore della comunicazione: giornaliste, reporter ma anche giovani studentesse attive sul versante dell’informazione.
Il premio è promosso dal Comune di Vecchiano per ricordare l’entusiasmo e l’impegno professionale della concittadina Chiara Baldassari, giovane videogiornalista di Report scomparsa nel 2005.
Il titolo dell’edizione 2015 – Un girasole nel motore: storie di sostenibilità urbana – è ispirato a un’inchiesta della Baldassari, andata in onda a Report il 25 ottobre 2001, che racconta la positiva esperienza del Comune di Ravenna nell’utilizzo del biodiesel.
Il bando è aperto fino al 30 maggio 2015.

Mostra “Ripresi” per la XX Giornata della memoria di Libera a Bologna

Nella Sala Esposizioni dell’Urban Center di Salaborsa (piazza Nettuno 3), il 18 marzo è stata inaugurata la mostra “RIPRESI! I beni confiscati alla criminalità organizzata in Emilia Romagna”. Un’esposizione fotografica promossa da Libera Emilia-Romagna in collaborazione con il Master universitario in Gestione e riutilizzo di beni e aziende confiscati alle mafie “Pio La Torre” (diretto da Stefania Pellegrini).
“Ripresi” (aperta fino al 18 aprile) fa parte delle iniziative promosse in occasione della XX Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, che Libera organizza a Bologna il 21 marzo.
Powered by Warp Theme Framework