Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Slider Primo Piano

Piena solidarietà dell’OdG al collega Valerio Lo Muzio. “Vicenda incredibile, comportamenti inaccettabili” per il Presidente dell’Ordine regionale Giovanni Rossi

Trovandosi all’estero, il Presidente del Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna, Giovanni Rossi, non ha potuto essere presente alle iniziative di solidarietà con il collega Valerio Lo Muzio, ma gli esprime – in una dichiarazione e a nome di tutto il Consiglio – piena solidarietà di fronte a una vicenda del tutto inammissibile che ha perfino dell’incredibile.
Questa la dichiarazione: “Quanto accaduto al videomaker di Repubblica ci dice a che punto di degenerazione è giunta certa politica nel rapporto con i professionisti dell’informazione. Leggi tutto

Un cronista scomodo tra informazione, legalità, cultura, formazione. La “vicenda” di Donato Ungaro incontra il teatro. In luglio a Roma il premio di Articolo21

“Per primo ha svelato la presenza della ‘ndrangheta a Brescello, in Emilia”. Insieme a lui, il drammaturgo-regista Marco Martinelli e l’attrice protagonista Ermanna Montanari, “nonostante boicottaggi e forme indirette d’intimidazione, continuano a portare in tournee le pièce tratte dal suo racconto” (il corto teatrale Saluti da Brescello e lo spettacolo corale Va pensiero). Con questa motivazione l’Associazione Articolo21, il 15 luglio, ha assegnato uno dei premi 2019 al giornalista Donato Ungaro e ribadito il suo costante impegno per giustizia, legalità, verità, contrasto di mafie e malaffare. Leggi tutto

Trasferimento del Master in Giornalismo di UniBo in Santa Cristina con posa della lapide-ricordo di Ezio Cesarini. Pubblicato il bando per il biennio 2019-2021

Nuova sede e nuovi indirizzi di specializzazione per il Master in Giornalismo dell’Università di Bologna, che ha appena reso pubblico il bando di ammissione al biennio 2019-2021 (su una pagina dedicata nel sito del Master).
Quello di UniBo è un master di primo livello, riservato a chi è in possesso almeno di una laurea triennale, sostitutivo dei 18 mesi di praticantato necessari per poter sostenere l’esame da giornalista professionista. Rientra, infatti, tra le 12 scuole italiane riconosciute dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.
Per il prossimo biennio il Master sarà ospitato nel complesso di Santa Cristina “della Fondazza”, l’ex monastero delle monache camaldolesi di piazzetta Giorgio Morandi. Leggi tutto

Master in Giornalismo dell’Università di Bologna 2019-2021. Online bando di ammissione e video-info. Scadenza domande per le selezioni 5 settembre 2019

È stato pubblicato il nuovo bando di ammissione per il Master in Giornalismo dell’Università di Bologna (biennio 2019-2021), riconosciuto dall’Ordine dei Giornalisti nazionale, sotto la direzione accademica del professor Fulvio Cammarano.
La sua frequenza equivale ai 18 mesi di praticantato necessari per poter sostenere l’esame di stato da giornalisti professionisti. Un PROMO-VIDEO illustra i principali contenuti dell’offerta formativa per la nuova edizione del Master biennale.
Il piano didattico affianca a corsi come la deontologia, la storia e il diritto, numerosi approfondimenti sui nuovi media, sugli uffici stampa e su tutte le declinazioni specifiche del giornalismo moderno (culturale, sportivo, religioso, economico, ecc). Leggi tutto

Ancora pochi giorni per partecipare al Premio Pietro Di Donato

Prorogati i termini per presentare le adesioni al Premio giornalistico Pietro Di Donato sulla sicurezza in ambiente di lavoro. I candidati possono inviare gli elaborati per la quinta edizione del concorso entro il 15 novembre.
Dedicato allo scrittore italoamericano di origini abruzzesi, il Premio è organizzato dal Comune di Taranta Peligna (Chieti) in collaborazione con Inail, Ordine dei giornalisti, Anci, Enel, Anmil, Cia ed è riservato al miglior articolo/inchiesta sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro.
Vengono assegnati, tre riconoscimenti per ogni categoria di produzione giornalistica (carta stampata, radio-tv, Internet) e tre secondi premi per le stesse tipologie di comunicazione. Ai vincitori spetta anche una medaglia conferita dal Presidente della

Un racconto-verità sulla comunicazione istituzionale di Laura Trovellesi Cesana

Si addentra con spirito analitico fra le pieghe della comunicazione e dell’informazione istituzionale La fabbrica della democrazia. Come comunica(re) il Parlamento di Laura Trovellesi Cesana. Un saggio originale e disincantato, con la prefazione di Stefano Folli, edito da Guerini e Associati di Milano.
Il volume analizza le modalità comunicative istituzionali nel contesto contemporaneo della “Società dell’Informazione”.
L’autrice è una giornalista parlamentare di lunga è apprezzata carriera: ha lavorato per agenzie di stampa come Agi e Asca, per la Rai (Telecamere) e molti anni all’Ufficio stampa del Senato, ha una conoscenza non comune delle istituzioni per studi ed esperienza diretta.
L’analisi proposta tenta di rintracciare i significati autentici della comunicazione

Addio Domenico Altavilla: un uomo vero orgoglioso di essere giornalista

Si è spento all’età di 86 anni il collega Domenico Altavilla, giornalista pubblicista iscritto all’Ordine da mezzo secolo. Aveva iniziato l’attività a Brindisi, sua città d’origine, collaborando con la Gazzetta del Mezzogiorno sin dalla sua istituzione nella prima metà degli anni Sessanta. In seguito ha scritto per l’Ansa, per il Quotidiano e ha collaborato anche con la Rai, in particolare alla famosa Caravella, una speciale trasmissione di satira e informazione prodotta nella sede di Bari, che ogni domenica veniva trasmessa dalla radio. Per vent’anni ha ricoperto anche il ruolo di presidente dell’associazione brindisina della Stampa, organizzando eventi di livello nazionale.
Per motivi personali aveva scelto il lavoro più sicuro di direttore didattico, ma la passione

Novità in edicola: La Voce di Reggio. Il direttore è Ercole Spallanzani

È uscito nei giorni scorsi il primo numero del quotidiano La Voce di Reggio Emilia. La nuova testata propone ogni giorno 40 pagine di notizie dedicate al territorio ed è diretta da Ercole Spallanzani, giornalista di lungo corso, già presidente del Gergs (Gruppo emiliano-romagnolo Giornalisti sportivi), storico organizzatore del Rally della Stampa.
L’iniziativa è stata promossa da Fabio Reggianini d’intesa con la cooperativa che pubblica la Voce di Mantova, storico quotidiano della bassa lombarda, di cui il nuovo giornale ha adottato il format editoriale .
Nel fondo di presentazione il direttore ha definito la linea della testata, in particolare ha espresso la volontà di dare voce a tutti, specialmente a chi non ce l’ha, e di offrire

Nel segno del giallo: l’ultima indagine dell’ispettore Nic. Tornano Granini e Beccaria

Si intitola Il manipolatore l’ultimo episodio della collana di gialli scritti dalle giornaliste Argia Granini e Antonella Beccaria. Il filo conduttore, anche in questo caso, è offerto da un caso risolto dall’agenzia investigativa Eagle Keeper, fondata a Bologna da Ugo Vittori e specializzata nell’attività di contrasto alle frodi assicurative. Proprio da qui, dall’aggancio con la realtà, nasce una narrazione tecnicamente solida, priva di fronzoli fantasiosi o effetti indesiderati.
Il protagonista è sempre lui, Nicola Proietti, più conosciuto come Nic, insieme alla sua squadra di abili investigatori. L’ultimo caso mette Nic di fronte a un fatto di sangue. Si tratta di un omicidio dai contorni misteriosi, che sconvolge il tran tran quotidiano di una tranquilla cittadina di provincia. Tutto fa pensare a una vera e propria esecuzione.

È scomparsa Donatella Gorini: scrittrice-insegnante colta, originale, sensibile

Se n’è andata nel silenzio di una clinica privata di Bologna, dove viveva dai tempi del Liceo. Donatella Gorini, nata a Bibbiena in provincia di Arezzo il 12 giugno 1926, aveva da pochi mesi compiuto novant’anni.
Decana dei giornalisti pubblicisti dell’Emilia-Romagna, era iscritta all’Ordine dal 1° dicembre 1949. Nel 1994 aveva ricevuto la medaglia d’oro per la lunga attività e i 40 anni di permanenza nell’Albo.
Ha svolto un’intensa attività pubblicistica collaborando stabilmente con quotidiani e riviste. Laureata in Lingue e letterature straniere, ha insegnato in vari Istituti cittadini. Come militante del Partito Socialdemocratico si è principalmente occupata, nell’organizzazione femminile, di problemi inerenti la famiglia e il lavoro. Si è impegnata nella difesa dei consumatori
Powered by Warp Theme Framework