Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Gramsci: un intellettuale nemico del pressapochismo giornalistico e politico

Antonio Gramsci. Il giornalismo, il giornalista. Un libro singolare che raccoglie scritti, articoli, lettere dello storico fondatore dell’Unità. Un’opera insolita, “di peso”, adatta a tutte le generazioni curata con profondità critica da Gian Luca Corradi, con prefazione di Luciano Canfora e postfazione di Giorgio Frasca Polara.
Politico, filosofo, giornalista, linguista, critico letterario. Gramsci (1891-1937) ha lasciato un segno indelebile nella storia d’Italia e delle società democratiche.
In occasione dell’80° anniversario della morte, la nuova casa editrice Tessere, fondata e diretta da Daniele Pugliese, ha voluto pubblicare questo volume di interesse per ricordare uno dei più grandi intellettuali del secolo scorso e per sottolineare che la sua presenza è ancora molto viva nella cultura italiana.
Gramsci detestava la faciloneria, la sciatteria, l’ignoranza, riteneva che il giornalista dovesse avere un atteggiamento corretto e non superficiale. Per lui il giornalismo era un “elemento chiave”, significava serietà, rigore, moralità in tutti i campi della vita politica e sociale.
Il volume raccoglie le 38 note (più una rimasta finora in ombra) dei Quaderni nelle quali Antonio Gramsci si occupa dell’argomento “giornalismo”, 67 degli oltre 1.500 articoli redatti fra il 26 luglio 1910 e l’8 novembre 1926 (pochi giorni prima di essere arrestato) apparsi su L’Unione sarda, l’Unità (il quotidiano da lui fondato nel 1924), l’Avanti!, L’Ordine Nuovo, La Città futura, La Correspondance Internationale, nonché 22 lettere, scritte prima e dopo essere stato imprigionato, in cui si occupa di giornali.
Il libro intende testimoniare l’attualità delle riflessioni di Gramsci sul giornalismo, condotte con lo stesso rigore e la stessa multidisciplinarietà impiegati dai più autorevoli “guru” dei mass-media dell’età contemporanea. Ne emerge la figura di un intellettuale ostinatamente e volutamente “giornalista”, deciso per questa strada a comprendere (e insegnare come comprendere) la realtà che ci circonda.
Il libro è stato presentato nell’ambito delle iniziative promosse dalla Fondazione Gramsci Emilia-Romagna per la ricorrenza degli 80 anni dalla morte in un incontro-conversazione con Gian Luca Corradi (curatore), Daniele Pugliese (editore), Serena Bersani (ex giornalista dell’Unità e attuale presidente dell’Associazione stampa Emilia-Romagna) e Fulvio Cammarano (direttore del Master in giornalismo dell’Università di Bologna).
Antonio Gramsci. Il giornalismo, il giornalista si può acquistare sul sito di Tessere.
Franca Silvestri
(7 giugno 2017)
Powered by EPS