Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Nelle edicole stanno per arrivare i giornali in affitto

Si chiama LeggieVendi: “restituisci il giornale e ricevi un rimborso del 50 per cento”.
È un’idea dei sindacati degli edicolanti (Sinagi Cgil, Snag e Usiagi Ugl).
I gadget a pochi euro e 99 non bastano più. Arriva nelle edicole il giornale in affitto. Il lettore potrà acquistare il giornale e restituirlo in edicola ricevendo un rimborso pari al 50 per cento del prezzo di copertina. Compri il Corriere della Sera? Lo paghi 1,50 euro al mattino e, se lo restituisci, ricevi 75 centesimi.
I tempi variano a seconda del tipo di giornale. Il rimborso per i quotidiani è valido fino alle 13. Due giorni di tempo per i settimanali e una settimana per i mensili. Il giornale restituito, divenuto di proprietà dell’edicolante, potrà essere rivenduto a metà prezzo.

Festival delle generazioni a Bologna. Un incontro valido per la Fpc dei giornalisti

Generazioni e politica: comunicazione, idee, città. Questo il titolo del seminario formativo in programma il 10 ottobre (ore 16.30 – 18.30) presso la Sala Borsa – Urban Center di Piazza Maggiore.
L’incontro nasce dalla collaborazione fra Festival delle Generazioni e Ordine Giornalisti dell’Emilia-Romagna e prevede le relazioni di Antonio La Forgia (ex presidente della Regione Emilia-Romagna) e Matteo Lepore (assessore del Comune di Bologna) coordinati dal presidente dell’Odg Emilia-Romagna Antonio Farnè. Obiettivo del seminario è analizzare l’evoluzione della comunicazione politica.

Giornata Europea dei Risvegli e Carta sul coma

Un gran bel giro di vite! Questo il titolo della Giornata dei risvegli per la ricerca sul coma – Vale la pena che si svolgerà il 7 ottobre. Quest’anno la manifestazione, promossa dall’associazione Gli amici di Luca compie 17 anni e diventa europea per “creare un’alleanza internazionale intorno alle persone in stato vegetativo o con esiti di coma a partire da un modello tutto italiano”.
“Ci affacciamo all’Europa facendo tesoro dell’esperienza della Casa dei risvegli Luca De Nigris, che è stata riconosciuta dal Consiglio d’Europa come una delle due buone pratiche italiane in materia di disabilità” afferma Fulvio De Nigris, fondatore dell’associazione Gli amici di Luca e direttore del Centro Studi per la Ricerca

Giornalisti contro le mafie

Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza umana e professionale del collega Donato Ungaro, a conferma che la categoria è in prima linea nella lotta contro le mafie.

«È quello lì Grande Aracri Francesco. Lui è uno molto composto, educato; ha sempre vissuto a basso livello…». Sono le parole che l’avvocato Marcello Coffrini, sindaco di Brescello, il paese dove la famiglia Grande Aracri ha posto la propria “sede operativa”, ha pronunciato davanti alle telecamere di CortoCircuito, la WebTv di un gruppo di studenti reggiani con il pallino della legalità. Marcello è il figlio di Ermes Coffrini, il sindaco che nel 2002 “invitò” il responsabile del personale del Comune di Brescello a prendere provvedimenti nei miei confronti

La Fpc dei giornalisti è punto di connessione di eventi, culture e vita civile. Un seminario “di legalità” in programma l’8 ottobre

È l’incontro pubblico Le leggi sui delitti ambientali e le inchieste giornalistiche, in programma giovedì 8 ottobre (ore 18) nel Chiostro di S. Paolo in via Boccaleone 19, che sigla la fase finale della lunga maratona ferrarese con corsi Fpc per i giornalisti.
Festival di Internazionale (in chiusura), Festa della Legalità e della Responsabilità (fino al 9 ottobre): due manifestazioni di richiamo e interesse, a Ferrara, che hanno intrecciato programmi, impegno sociale, tematiche di stringente attualità con diversi momenti formativi dell’Odg Emilia-Romagna.

Un Osservatorio Aser-Gus sui bandi della P.A.

Salutata al suo nascere come uno strumento per dare concretezza all’esigenza di “colloquiare” con i cittadini, la legge 150/2000 è stata considerata inizialmente la risposta giusta e moderna per mettere ordine nel settore della comunicazione e dell’informazione pubblica.
Al livello istituzionale “più basso” la situazione nazionale è ancora più anarchica e l’Emilia-Romagna non differisce dalla media nazionale. Anche da noi si sono verificati casi offensivi per la dignità dei lavoratori e episodi di scarsa trasparenza che ci hanno lasciato disgustati e molto perplessi. Nei bandi soprattutto.
Non siamo di fronte a fatti isolati, ma a casi che proliferano indisturbati in quell’area
Powered by Warp Theme Framework