Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Consiglio di Disciplina Territoriale Emilia-Romagna: il punto sulla Formazione professionale continua al termine del secondo triennio formativo 2017-2019

Dopo sei anni dall’entrata in vigore dell’obbligo di legge che stabilisce che anche i giornalisti (come già altre categorie di professionisti) hanno l’onere di aggiornarsi, si cominciano a tirare le fila verificando le posizioni degli iscritti e segnalando ai Consigli di Disciplina Territoriali le posizioni di coloro che, seppure tenuti, non hanno fatto la formazione obbligatoria. L’inadempienza è infatti considerata mancanza deontologica e come tale inserita nel Testo Unico dei doveri del giornalista al capitolo “Fondamenti deontologici” (art. 2 lettera H).

Auguri ai colleghi per le prossime festività e per l’anno nuovo! Gli uffici dell’Ordine regionale saranno chiusi al pubblico da lunedì 23 a martedì 31 dicembre 2019

Auguri a tutti i colleghi affinché trascorrano al meglio le imminenti festività natalizie e di fine-inizio anno nuovo.
Ci sono molte ragioni per farci gli auguri specie per un 2020 che porti novità positive per il giornalismo, in vari campi, dalle regole professionali (a quando la riforma della legge ordinistica?), al lavoro (la Commissione per l’equo compenso si è insediata mercoledì 4 dicembre), alla previdenza (si salverà l’autonomia dell’INPGI?).
Per i giornalisti il prossimo sarà un anno elettorale.

Verità, giustizia, fraternità sono valori importanti. Per Vania De Luca è dovere di tutta la categoria proteggere i giornalisti più esposti nella ricerca della verità

Giornalista vaticanista di Rainews24 e presidente nazionale dell’Unione Cattolica Stampa Italiana, Vania De Luca è la prima donna alla guida di UCSI. A Bologna, culla del sodalizio dei giornalisti cattolici, è intervenuta al convegno 1959-2019: l’UCSI tra passato e futuro della comunicazione con una relazione e un bilancio sui primi sessant’anni di attività dell’associazione. A margine dell’incontro (organizzato da UCSI Emilia-Romagna insieme a Ordine regionale dei Giornalisti e Fondazione OdG, il 30 ottobre in Curia) abbiamo raccolto questo contributo.

Pansa, Besozzi e gli articoli scritti dai robot. Riflessioni sul rapporto tra informazione, robotica e deontologia del Consigliere dell’OdG regionale Silvestro Ramunno

L’informazione è sempre più considerata una commodities, merce indistinta, con poca attenzione alla qualità del contenuto e al produttore. Una situazione che riguarda l’intera società, la digital transformation e i modi di fruizione dei contenuti. Ma anche i giornalisti sono chiamati a dare un contributo, con le poche “armi” che hanno a disposizione. I robot sostituiranno i giornalisti? La risposta, allo stato attuale della conoscenza, è no. Ma non c’è da essere rassicurati perché sempre più l’informazione è considerata una commodity, merce indistinta senza variazioni di qualità, che sia prodotta da un robot o da un giornalista in carne ed ossa.

La Poligrafici Editoriale condannata per comportamento antisindacale. Il comunicato diramato dall’Associazione Stampa Emilia-Romagna

Il Tribunale del Lavoro di Bologna ha condannato per comportamento antisindacale la Poligrafici Editoriale, il cui legale rappresentante è Andrea Riffeser Monti, presidente della Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali).
L’Associazione Stampa dell’Emilia-Romagna, difesa dall’avvocato Alberto Piccinini, aveva chiesto al Tribunale, raccogliendo le istanze del Coordinamento dei Cdr del Gruppo, di accertare l’antisindacalità del contenuto minaccioso ed intimidatorio di due comunicati della Poligrafici Editoriale.

Lettera agli iscritti del Presidente dell’OdG Emilia-Romagna Giovanni Rossi. Si avvicina il nuovo anno, l’ultimo del mandato di questo Consiglio regionale

Cari colleghi,
il prossimo sarà l’ultimo anno del mandato di questo Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna. Infatti, in ottobre si voterà per rinnovarne gli organismi di governo.
Il 2019 si chiude senza che sia avvenuto quello che qualcuno aveva affermato: ricordate? “Il 2019 sarà l’anno dell’abrogazione dell’Ordine dei giornalisti”. Parola di un ex-Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Bene, ma non è stato nemmeno l’anno dell’auspicata riforma di una legge vecchia e che ha bisogno di essere ampiamente aggiornata, a cominciare dal vetusto sistema elettorale.
Powered by Warp Theme Framework