Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Piena solidarietà dell’OdG al collega Valerio Lo Muzio. “Vicenda incredibile, comportamenti inaccettabili” per il Presidente dell’Ordine regionale Giovanni Rossi

Trovandosi all’estero, il Presidente del Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna, Giovanni Rossi, non ha potuto essere presente alle iniziative di solidarietà con il collega Valerio Lo Muzio, ma gli esprime – in una dichiarazione e a nome di tutto il Consiglio – piena solidarietà di fronte a una vicenda del tutto inammissibile che ha perfino dell’incredibile.
Questa la dichiarazione: “Quanto accaduto al videomaker di Repubblica ci dice a che punto di degenerazione è giunta certa politica nel rapporto con i professionisti dell’informazione.

Trasferimento del Master in Giornalismo di UniBo in Santa Cristina con posa della lapide-ricordo di Ezio Cesarini. Pubblicato il bando per il biennio 2019-2021

Nuova sede e nuovi indirizzi di specializzazione per il Master in Giornalismo dell’Università di Bologna, che ha appena reso pubblico il bando di ammissione al biennio 2019-2021 (su una pagina dedicata nel sito del Master).
Quello di UniBo è un master di primo livello, riservato a chi è in possesso almeno di una laurea triennale, sostitutivo dei 18 mesi di praticantato necessari per poter sostenere l’esame da giornalista professionista. Rientra, infatti, tra le 12 scuole italiane riconosciute dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.
Per il prossimo biennio il Master sarà ospitato nel complesso di Santa Cristina “della Fondazza”, l’ex monastero delle monache camaldolesi di piazzetta Giorgio Morandi.

Una Fondazione per la Formazione. Il Vicepresidente dell’Odg regionale Emilio Bonavita sottolinea il valore della deontologia e analizza i dati Sigef sulla Fpc

Quando il filosofo inglese Jeremy Bentham agli inizi dell’Ottocento coniò il termine “deontologia”, che significa letteralmente “dottrina dei doveri”, forse non pensava che questo termine sarebbe arrivato ad indicare l’insieme dei principi e delle norme di comportamento per tutti coloro che operano nel campo sociale e in particolar modo per la professione dei giornalisti. La deontologia mette insieme etica e diritto, perché, accanto all’affermazione di precetti morali, indica norme di comportamento e affianca sanzioni per eventuali violazioni. Per noi giornalisti, l’architrave che regge lo studio e la diffusione della deontologia non può essere che la formazione permanente e continua, di cui la parte sulla deontologia rappresenta una fetta consistente.

Un cronista scomodo tra informazione, legalità, cultura, formazione. La “vicenda” di Donato Ungaro incontra il teatro. In luglio a Roma il premio di Articolo21

“Per primo ha svelato la presenza della ‘ndrangheta a Brescello, in Emilia”. Insieme a lui, il drammaturgo-regista Marco Martinelli e l’attrice protagonista Ermanna Montanari, “nonostante boicottaggi e forme indirette d’intimidazione, continuano a portare in tournee le pièce tratte dal suo racconto” (il corto teatrale Saluti da Brescello e lo spettacolo corale Va pensiero). Con questa motivazione l’Associazione Articolo21, il 15 luglio, ha assegnato uno dei premi 2019 al giornalista Donato Ungaro e ribadito il suo costante impegno per giustizia, legalità, verità, contrasto di mafie e malaffare.

Master in Giornalismo dell’Università di Bologna 2019-2021. Online bando di ammissione e video-info. Scadenza domande per le selezioni 5 settembre 2019

È stato pubblicato il nuovo bando di ammissione per il Master in Giornalismo dell’Università di Bologna (biennio 2019-2021), riconosciuto dall’Ordine dei Giornalisti nazionale, sotto la direzione accademica del professor Fulvio Cammarano.
La sua frequenza equivale ai 18 mesi di praticantato necessari per poter sostenere l’esame di stato da giornalisti professionisti. Un PROMO-VIDEO illustra i principali contenuti dell’offerta formativa per la nuova edizione del Master biennale.
Il piano didattico affianca a corsi come la deontologia, la storia e il diritto, numerosi approfondimenti sui nuovi media, sugli uffici stampa e su tutte le declinazioni specifiche del giornalismo moderno (culturale, sportivo, religioso, economico, ecc).

Giornalisti come comunità educante. La Consigliera nazionale Elide Giordani illustra le iniziative dell’Ordine realizzate in collaborazione con le scuole italiane

L’informazione è strumento imprescindibile per educare alla democrazia. L’effettiva partecipazione all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese si compie, infatti, attraverso la libertà di pensiero, che si esprime, dice l’articolo 21 della Costituzione, “con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ecco perché i modi e i sistemi dell’informazione dovrebbero ben figurare tra le materie di studio di un sistema educativo che punta a formare cittadini liberi e consapevoli. Il concetto non è estraneo alle scuole italiane e ciò anche grazie ad una collaborazione tra Ordine Nazionale dei Giornalisti e sistema scolastico. Uno scambio che negli anni si è concretizzato attraverso varie iniziative.
Powered by Warp Theme Framework