Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >
david rossi

David Rossi: un suicidio “sospetto”. Presentazione del libro-inchiesta a Ferrara

La vicenda Monte dei Paschi di Siena continua ad attirare l’attenzione. In questi giorni potrebbero esserci novità sui misteri che avvolgono la tragica morte di David Rossi, responsabile dell’area comunicazione della banca senese, precipitato dalla finestra del suo ufficio. Una morte frettolosamente archiviata come suicidio.
Davide Vecchi, inviato del Fatto Quotidiano, ha scritto il volume Il caso David Rossi, il suicidio imperfetto del manager Monte Paschi di Siena (edito da Chiarelettere), che sarà presentato a Ferrara, nella storica sala dell’Oratorio San Crispino, a cura della libreria Ibis+Libraccio, venerdì 24 novembre alle ore 18. Insieme all’autore, interverranno Giovanni Rossi, presidente dell’Ordine dei giornalisti Emilia-Romagna, e Riccardo Forni, presidente dell’Assostampa ferrarese.
montecitorio piazza

Libertà precaria, lavoro precario, vite precarie: Odg e Fnsi in piazza Montecitorio

Governo e Parlamento non si pronunciano sui problemi del mondo dell’informazione che indeboliscono la libertà di stampa e il diritto dei cittadini a essere informati: carcere, minacce, querele temerarie, lavoro irregolare, vecchi e nuovi bavagli. I rappresentanti nazionali dei giornalisti manifesteranno insieme davanti a Montecitorio per chiedere segnali tangibili di cambiamento e maggiori tutele per la categoria.
Gli organismi elettivi dell’Ordine dei giornalisti e della Federazione nazionale della stampa italiana si riuniranno in Piazza Montecitorio, a Roma, mercoledì 22 novembre alle ore 11. Sarà la prima di una serie di iniziative di mobilitazione e di protesta che gli organismi di rappresentanza della categoria promuoveranno per
ok ok striscia

Troupe di Striscia la notizia aggredita a Bologna. Ferma condanna e appello dell’Odg

“Ferma condanna per l’ennesima aggressione ad un giornalista impegnato a documentare una realtà di degrado e di spaccio”. Lo dichiara il presidente dell’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna, Giovanni Rossi, d’intesa con il presidente dell’Odg nazionale, Carlo Verna, commentando l’aggressione subita dalla troupe di Striscia la notizia, avvenuta a Bologna nella zona della Montagnola.
“Nel solco delle rassicurazioni del Ministro dell’Interno Marco Minniti, fornite nel corso dell’incontro odierno, che si è tenuto a Roma, nella sede della Fnsi, rivolgiamo un appello alle Forze dell’Ordine – aggiungono Verna e Rossi – affinché gli aggressori siano assicurati alla giustizia e garantita la sicurezza del lavoro degli operatori dell’informazione”.
donne tavola rotonda

Un evento dedicato a tre illustri giornaliste bolognesi e all’impegno delle donne

La Bologna di Paola Rubbi, Gina Basso e Donatella Gorini è il titolo della tavola rotonda in programma mercoledì 22 novembre alle ore 17 nella sede cittadina della Fameja Bulgneisa (via Barberia, 11).
Un incontro per ricordare le tre celebri e stimate giornaliste, recentemente scomparse, per illustrare il loro singolare percorso culturale e il profondo legame con la città di Bologna. Un’occasione per parlare del tenace impegno delle donne nei diversi settori della vita civile, a ridosso della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne del prossimo 25 novembre.
Paola Rubbi, volto noto, popolare e amato del Tg regionale Rai. Gina Basso, giornalista, scrittrice e speaker radiofonica, antesignana della letteratura per ragazzi legata ai problemi di attualità. Donatella Gorini
odgfnsi

La libertà di stampa è l’ossigeno della democrazia. Presto un centro di vigilanza

Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, con una mozione approvata per acclamazione su proposta del presidente Carlo Verna, accoglie con soddisfazione l’impegno preso dal ministro dell’Interno Marco Minniti di istituire un centro di coordinamento che vigili sulla libertà di stampa troppe volte, ormai, minacciata da aggressioni brutali, come quelle di Ostia.
La proposta – arrivata durante l’incontro in Fnsi con i cronisti minacciati dalle organizzazioni criminali – consentirebbe di evitare anche quello stato di solitudine troppo spesso denunciato dai colleghi intimiditi o peggio tacitati.
Il Cnog auspica, dunque, una rapida attuazione della nuova struttura, nel frattempo si impegna a continuare a essere al fianco di chi viene perseguitato
nuovo logo odg nazionale

L’Ordine dei giornalisti aderisce alla manifestazione del 16 novembre a Ostia

“Il giornalista è il postino del diritto del cittadino di sapere. La strada per il recapito non gli può mai essere interdetta con violenze, minacce, ostacoli di vario tipo”, con queste parole il presidente nazionale dell’Odg Carlo Verna ha ribadito l’adesione dell’Ordine alla manifestazione di giovedì 16 novembre a Ostia (in piazza Anco Marzio alle ore 17), promossa da Libera e Fnsi.
Verna ha sottolineato il valore e la funzione del nostro Ordine professionale al quale, per legge, sono obbligati a iscriversi tutti coloro che svolgono attività giornalistica‎. “Chi si occupa come noi di accesso, deontologia e formazione ha però ben chiaro un concetto: senza la libertà di informazione il giornalismo non ha una sua ragion d’essere, perché il rispetto della verità cui siamo tenuti non può in alcun modo essere messo
Powered by EPS