Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >
bordonissimo

La cultura e l’educazione non bastano. Servono norme, anche di natura penale, per arginare e contrastare la diffusione di menzogne pericolose nella Rete

Gabriele Bordoni è avvocato penalista e giornalista pubblicista. Un doppio profilo che lo spinge a esaminare con competenza, sensibilità, rigore i complessi rapporti fra diritti, responsabilità e informazione. In occasione dell’ultimo World press freedom day (la giornata mondiale della libertà di stampa voluta dall’Unesco) è intervenuto al corso Fpc Le false verità dei social network: diritto di informazione tra verità e post-verità. Un incontro-confronto fra studiosi, avvocati e giornalisti su un tema “caldo” che tocca nel vivo chiunque entri nel flusso comunicativo: i professionisti dell’informazione ma anche tutti coloro che fruiscono, veicolano e sempre più spesso manipolano le notizie. Bordoni ha espresso pareri schietti e molta preoccupazione per la deriva dell’informazione, la “dispersione” nella Rete, le minacce crescenti alla nostra civiltà. Leggi tutto
tola google

I “segreti” di Google e le “meraviglie” della Rete. Per trattare le notizie servono strumenti e linee guida ma è indispensabile anche la giusta attitudine del giornalista

È giornalista freelance Elisabetta Tola, da circa un anno e mezzo collabora con Google News Lab come media training specialist ma ormai da tredici anni gira tutta l’Italia per fare corsi, seminari, workshop. Il giornalismo indipendente e la formazione sono i suoi grandi amori che da sempre coltiva e intreccia in un’intensa attività professionale.
Post-verità, fake news, bufale, pericoli della Rete, sviste e negligenze di chi diffonde informazione costituiscono l’orizzonte della sua “azione scientifica”, ma non sono terreno di riflessioni teoriche o di nuove speculazioni filosofico-deontologiche. Perché Elisabetta Tola si occupa del “lato pratico”: studia gli strumenti per la verifica e l’utilizzo delle fonti e illustra le linee guida che possono aiutare i giornalisti a utilizzare al meglio le attuali tecnologie per svolgere con serenità, competenza, efficacia la professione. Leggi tutto
besana moi

Aziende in affanno chiedono materiale da pubblicare a colleghi sempre più ricattabili perché i posti di lavoro sono pochi e i giornalisti troppi. Del lavoro autonomo si parla in termini molto generici. Bisogna governare il cambiamento e far osservare la Carta di Firenze

Guido Besana è giornalista professionista e lavora a Mediaset, ma da molto tempo intreccia l’attività giornalistica con un impegno intenso negli organismi di categoria. Da 15 anni fa parte della Giunta Esecutiva della Fnsi con incarichi nel Dipartimento Sindacale di cui attualmente è coordinatore. In questa conversazione affronta questioni nevralgiche della professione, senza dimenticare criticità e urgenze del cosiddetto lavoro autonomo. La sua analisi è a tutto campo ma con modestia Besana precisa: «il mio punto di osservazione è abbastanza particolare. Ho presieduto per 12 anni la Commissione contributi e vigilanza dell’Inpgi e lì ho visto uno spaccato della categoria che è difficile poter osservare freddamente da altre angolazioni. Per questo ringrazio il lavoro fenomenale che sta facendo Lsdi (Libertà di Stampa Diritto all’Informazione) con il Rapporto sulla professione di Pino Rea, che sfrutta quella visuale. Ho fatto il manovale delle vertenze per 15 anni, sono andato a fare trattative per redazioni di 2 persone o di 500, ho parlato con colleghi di tutta Italia, di tutte le condizioni. Ho visto molto e ho capito che la verità in tasca non ce l’ho». Leggi tutto
partipilo 3

Il termine post-verità è nato dalla Rete e per la Rete. Non è sinonimo di notizia fasulla, indica una verità “immateriale” che viene dopo la verità fisica. Ma è possibile una verità vera nella Rete?

È caporedattore centrale della Gazzetta del Mezzogiorno Michele Partipilo ma soprattutto è una figura autorevole e molto attiva del versante ordinistico. All’interno dell’Ordine dei giornalisti ha ricoperto diverse cariche: è stato presidente dell’Odg pugliese per dodici anni e componente del Consiglio nazionale per due mandati. Attualmente fa parte dell’Osservatorio di deontologia del Cnog, il gruppo di lavoro che ha messo a punto il Testo unico dei doveri del giornalista (in vigore dal 3 febbraio 2016) dove è stato riunito in maniera ragionata e innovativa il poderoso corpus deontologico della categoria. Oltre ai volumi “ufficiali” curati per l’Ordine nazionale, Partipilo è autore di interessanti pubblicazioni su etica, deontologia professionale, nuovi media dove analizza con profondità e lungimiranza l’impatto che le recenti tecnologie comunicative, i social network, la crossmedialità hanno sulla professione giornalistica. Le riflessioni più recenti sono sulla prassi ormai inevitabile del “sempre online” e sulla nozione molto in voga di “post-verità”. Leggi tutto
il reportage bis per web

Diritti umani e libertà di stampa al centro del premio giornalistico “il Reportage”

Prima edizione per il premio giornalistico “il Reportage”, dedicato a temi importanti e di stringente attualità come la difesa dei diritti umani e dell’ambiente o libertà di stampa.
Il concorso, lanciato dall’omonima rivista, premia infatti il miglior reportage 2016-2017 in lingua italiana relativo a temi “caldi” del nostro tempo: tutela dei diritti umani, fenomeni migratori, criminalità organizzata, difesa dell’ambiente, ingiustizia sociale, libertà di informazione. Gli elaborati devono essere inviati entro il 17 giugno.
Il premio è riservato agli iscritti all’Ordine dei giornalisti (professionisti e pubblicisti) che attraverso la propria attività professionale abbiano trattato con attenzione e incisività questi argomenti.
La proclamazione dei vincitori e la consegna dei premi avrà luogo a Roma il prossimo
formigine corso 11 maggio 2017 per web

Una giornata di studio su privacy e diritto di cronaca nel nuovo Regolamento UE

È del 4 maggio 2016 la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale UE del nuovo Regolamento europeo per la protezione dei dati personali. A metà del percorso che porterà il nuovo “Codice della privacy” a trovare applicazione in tutti i Paesi aderenti alla Comunità, un importante momento di studio e di confronto a livello nazionale si è svolto l’11 maggio scorso a Formigine per iniziativa di Ordine e Fondazione dei giornalisti dell’Emilia Romagna, Ordine degli avvocati di Modena e Comune di Formigine, che ha ospitato l’evento ed è stato rappresentato dal Sindaco Maria Costi.
Nel prestigioso Auditorium ‘Spira mirabilis’ gremito da quasi quattrocento professionisti, la presenza dei giornalisti è stata ripagata dall’assegnazione di 6 crediti deontologici ma soprattutto dalla puntuale
marconi rd per web

Marconi Radio Days: un festival singolare dedicato alla genialità marconiana

“Le origini e il futuro della comunicazione… dove tutto ebbe inizio”. È questo lo slogan dei Marconi Radio Days 2017, che dall’11 al 14 maggio coinvolgono tutta l’area metropolitana bolognese per festeggiare la nascita della “comunicazione senza fili” e l’inventiva sapiente di Guglielmo Marconi.
La XII edizione del festival esce dai confini di Sasso Marconi e per la prima volta si estende al capoluogo e ai Comuni limitrofi. Del resto, “Guglielmo Marconi è patrimonio di tutta l’area bolognese: qui è nato, qui ha fatto i più decisivi esperimenti e qui ha lasciato in eredità la sua tenacia, il suo spirito imprenditoriale, la sua passione per la ricerca e per l’innovazione tecnologica”.
Quest’anno, dunque, molti Comuni della provincia partecipano alle celebrazioni marconiane organizzando nei rispettivi
55349012 - journalism concept vector illustration in flat style. mass media

Premi e concorsi riservati ai giornalisti in scadenza fra maggio e luglio

Sono tanti i premi nazionali e internazionali destinati ai giornalisti. La redazione di Giornalisti web cerca sempre di dare spazio alle iniziative che possono essere di interesse per la categoria, ma negli ultimi tempi è rimasta un po’ indietro con i concorsi. In questa news cerchiamo di segnalare alcune tipologie di premi con scadenze e link utili dove trovare bandi e info dettagliate.

Concorsi di Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN)
Due iniziative per premiare chi propone soluzioni concrete per rendere il sistema alimentare più sostenibile.
Food Sustainability Media Award, un nuovo concorso internazionale rivolto ai media che vogliono mettere in luce alcuni aspetti
guareschi

Giovannino Guareschi, un cronista in bicicletta. In Sala Borsa una mostra singolare

“Io da giovane facevo il cronista in un giornale e andavo in giro tutto il giorno in bicicletta per trovare dei fatti da raccontare”.
Con questo spirito, Giovannino Guareschi intraprese nel 1941 un itinerario da Piacenza a Rimini che venne poi raccontato in sei puntate sul Corriere della Sera.
Le foto in bianco e nero da lui scattate, gli articoli di viaggio ma anche la bicicletta con la quale lo scrittore e giornalista ha compiuto l’impresa (quella che il suo celebre personaggio don Camillo-Fernandel ha utilizzato durate le riprese dei popolarissimi film) sono i pezzi forti della mostra “Il Piccolo Mondo di Guareschi, in bicicletta lungo la via Emilia” (aperta fino al 15 maggio).
Inaugurata il 28 aprile nella Biblioteca comunale Sala Borsa di piazza Nettuno a Bologna dall’ Assessore regionale al Turismo
17627825 - vintage phone, old typewriter, books on table desaturated photo

Riforma editoria: approvato il decreto attuativo per la revisione dell’Odg

Il Consiglio dei ministri, su proposta del presidente Paolo Gentiloni e del ministro per lo sport con delega all’editoria Luca Lotti, nella riunione del 5 maggio 2017, ha approvato due decreti legislativi (attuativi della legge n.198 del 26 ottobre 2016) in materia di editoria e Ordine dei giornalisti.
Il primo prevede “disposizioni per la ridefinizione della disciplina dei contributi diretti alle imprese editrici di quotidiani e periodici”.
L’altro riguarda “la revisione della composizione e delle competenze del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, in attuazione dell’articolo 2, comma 4, della legge 26 ottobre 2016, n.198”. In particolare, il provvedimento relativo all’Odg “razionalizza la composizione e le attribuzioni del Consiglio nazionale
Powered by EPS