Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >
LOGOELEZIONIODG2017_trasp

Un avvicendamento tra i rappresentanti dell’Emilia-Romagna nel Consiglio nazionale dell’Odg. Elide Giordani sostituisce Gerardo Bombonato

L’Ordine nazionale dei Giornalisti ha completato le verifiche post elettorali relative alla titolarità di una posizione Inpgi attiva di tutti gli eletti nel Cnog.
Dagli accertamenti di legge è risultato che Gerardo Bombonato (eletto al ballottaggio dell’8 ottobre con 174 voti) non ha un requisito richiesto dalla normativa vigente per fare parte del Consiglio nazionale ovvero non è titolare di una posizione previdenziale attiva presso l’Istituto nazionale dei giornalisti italiani (Inpgi).
Quindi, mancando una delle condizioni di eleggibilità, Bombonato non può rivestire la carica di consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e deve subentrargli il primo dei non eletti fra i professionisti.
In Emilia-Romagna la prima dei non eletti professionista è Elide Giordani (154 voti al ballottaggio dell’8 ottobre) che dunque rappresenterà la nostra regione nel Cnog insieme ad Antonio Farnè (professionista) e Alberto Lazzarini (pubblicista). Leggi tutto
LOGOELEZIONIODG2017_trasp

Risultati finali delle votazioni Odg 2017. Tutti gli eletti in Emilia-Romagna

Si è conclusa la tornata elettorale 2017.
Con il ballottaggio di domenica 8 ottobre (che ha richiamato alle urne solo i professionisti), l’Ordine Giornalisti dell’Emilia-Romagna ha completato l’elezione dei propri rappresentanti per la prossima consiliatura.
Sono stati eletti tutti i colleghi, professionisti e pubblicisti, per i Consigli regionale e nazionale e per il Collegio regionale Revisori dei Conti.
Anche per la giornata di ballottaggio sono stati allestiti tre seggi in altrettante città della regione. Hanno partecipato alle votazioni 347 giornalisti professionisti: 187 a Bologna, 62 a Cesena e 98 a Parma. Leggi tutto
vvartolo

Processo Aemilia: in appello confermate le condanne per intimidazioni alla stampa. La dichiarazione di Valerio Vartolo che ha assistito l’Ordine dell’Emilia-Romagna e l’Aser nella costituzione di parte civile al fianco dei giornalisti minacciati Pignedoli e Franzini

La Corte di Appello di Bologna ha aderito, interamente, all’impianto della Procura di Bologna, confermando la sentenza di primo grado emessa dal Gup Francesca Zavaglia, che aveva deciso le sorti di molti imputati dell’operazione Aemilia che avevano scelto il rito abbreviato.
La Corte di Appello ha dunque confermato la parte più importante dell’impianto accusatorio, cioè l’esistenza dell’associazione a delinquere di stampo n’dranghetistico. Leggi tutto
Alberto Sermoneta ok

Il dialogo interreligioso e un’etica comune sono possibili però serve una base condivisa di civiltà. L’informazione è inesatta ma la precarietà non giustifica la distorsione della realtà: il giornalista deve dire la verità

Alberto Sermoneta ha radici romane ma ormai da vent’anni è Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Bologna. È una persona di profonda e rigorosa cultura, che trasmette con semplicità, passione, desiderio di “seminare” conoscenza. Tiene lezioni, conferenze, corsi tematici aperti a tutta la città: al Museo Ebraico è seguito da studenti, cultori, gente curiosa di scoprire i “segreti” dell’ebraismo. Rav Sermoneta è arguto, versatile, ironico e, come tutti gli ebrei, animato da una grande positività esistenziale. Il Tavolo interreligioso sulla custodia del Creato e il G7 Ambiente di Bologna sono stati il preambolo di questa conversazione. Leggi tutto
giornale con occhi

Successo per il Protocollo Odg-Miur: 3.500 studenti coinvolti in Emilia-Romagna

Esito più che positivo per il Protocollo Ordine-Miur. Quest’anno migliaia di studenti hanno partecipato agli incontri con i giornalisti. L’Emilia-Romagna è risultata la regione più attiva.
Ecco una sintesi della relazione di Alberto Lazzarini, consigliere nazionale dell’Ordine, presidente della Commissione Cultura del Cnog e coordinatore nazionale del Progetto Odg-Miur.


239 istituti, 908 classi, 17.386 studenti. Questi i positivi dati di sintesi della prima fase del Protocollo di intesa siglato fra Ordine nazionale dei giornalisti e Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), che hanno voluto coinvolgere i ragazzi, soprattutto gli iscritti all’ultimo anno delle superiori, orientati a scegliere l’articolo
Cnog giornale scuole 2017

XV edizione del concorso Fare il giornale nelle scuole. Termine 20 gennaio 2018

Informarsi per leggere meglio la realtà che ci circonda, informare per far maturare le coscienze facendo crescere i cittadini di oggi e domani. Il concorso Fare il giornale nelle scuole, promosso dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, è giunto alla XV edizione e mantiene la formula che ne ha decretato il successo.
Sono diverse centinaia, ogni anno, le scuole di ogni ordine e grado che prendono parte alla competizione inviando il proprio giornalino di classe o d’Istituto. Lo scorso aprile, a Cesena, sono stati premiati 75 istituti scolastici. La cittadina romagnola ha ospitato delegazioni provenienti da tutta Italia in momenti di celebrazione e confronto, con un forum sul fascino e le difficoltà della professione giornalistica.
Il concorso vuole sostenere le iniziative
giustolisi

Premio per il giornalismo di inchiesta “Giustizia e verità – Franco Giustolisi”

Lanciato il nuovo bando del concorso “Giustizia e verità”, intitolato al collega Franco Giustolisi scomparso nel 2014.
La terza edizione del premio per il giornalismo d’inchiesta è ospitata a Boves, comune del cuneese teatro della prima strage nazifascista di civili. E per la prima volta prevede anche una sezione dedicata alle scuole. Gli elaborati devono essere inviati entro il 31 agosto 2017.
Dopo Sant’Anna di Stazzema nel 2015 e Marzabotto nel 2016, il Premio Giustolisi continua il proprio itinerario attraverso le comunità trucidate dalla barbarie nazifascista, che per decenni hanno tentato di fare emergere la verità e ottenere giustizia, spesso senza alcuna risposta.
La città di Boves, Medaglia d’Oro al valore civile e militare, è stata vittima delle
ungolati libro sergio angeli

Un sottile racconto fanta-umoristico di Sergio Angeli: U-days. Ungulati a Bologna

“Hai mai pensato a cosa potrebbe succedere se domani, al tuo risveglio, aprendo la finestra e guardando fuori, ti accorgessi che la tua città è letteralmente invasa da una moltitudine brulicante di cervi, daini & c.?”.
È questo l’incipit di U-days. Ungulati a Bologna, il nuovo libro di Sergio Angeli pubblicato da Festina Lente Edizioni nella collana Piccola biblioteca del sorriso. Una narrazione singolare, esilarante, pungente di “fanta-umorismo metropolitano”. Una storia sottile e immaginosa che coniuga realtà esistenziale, vagabondaggi fantasiosi, desiderio di leggerezza, voglia di sorridere, sempre e comunque, nonostante tutto.
Angeli racconta: “È una tranquilla – o almeno così di primo acchito potrebbe sembrare – mattina di fine novembre quando, alle 6.45, la caposala Erika Sbarozzi, finito il turno
cordinamento enti fnsi

Nella sede romana della Fnsi “debutta” il Coordinamento degli enti di categoria

La sfida importante e impegnativa è una sola: rilanciare il lavoro giornalistico.
Questa l’intenzione fondamentale emersa dal primo incontro del Coordinamento degli enti della categoria giornalistica, riuniti a Roma nella sede della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
Previste una serie di attività da realizzare nei prossimi mesi. Un piano per il rilancio dell’occupazione giornalistica coordinato tra enti, istituti e sindacato. Un calendario di incontri istituzionali dal prossimo settembre, un programma di seminari di approfondimento tecnico su temi previdenziali e assistenziali, l’inaugurazione delle attività della Fondazione Murialdi.
Dopo la sua istituzione nell’aprile scorso (con l’inserimento nello Statuto della Fnsi), il nuovo organismo – che ha come obiettivo
57398823 - freelance concept on blackboard

Gestione Separata Inpgi: tempi e modalità per la comunicazione dei redditi

Per i freelance è tempo di comunicazione reddituale. Nel sito dell’Inpgi (Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani) dal 15 giugno è attivo il servizio per l’invio della comunicazione obbligatoria dei redditi percepiti per attività giornalistica autonoma nel corso del 2016.
Il servizio è disponibile online tutti i giorni dalle ore 8 alle 20.
La comunicazione deve essere inviata entro il 31 luglio. L’eventuale invio successivo a questa data comporterà l’applicazione di una sanzione per ritardata comunicazione reddituale.
Sono tenuti alla comunicazione tutti i giornalisti iscritti alla Gestione Separata che hanno svolto attività autonoma giornalistica come liberi professionisti con Partita IVA, come attività occasionale
Powered by EPS