Logo Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna

Corsi e seminari per la formazione professionale continua e iniziative.

ENTRA >

Slider Primo Piano

Il giornale è il mio amore di Giancarlo Tartaglia. Un volume singolare dedicato ad Alberto Bergamini, celebre inventore del giornalismo moderno e della Terza Pagina

Giancarlo Tartaglia tratteggia con sensibilità e finezza storiografica il profilo, la personalità, le imprese giornalistiche di uno dei “padri nobili” della stampa italiana. Il nuovo libro del direttore della Fnsi si intitola Il giornale è il mio amore. Alberto Bergamini inventore del giornalismo moderno. Uscito per i tipi di All Around Editore nella collana “I quaderni” (prezzo di copertina 15,00 euro, disponibile anche online), sviluppa una narrazione fra storia e memoria per ripercorrere la vita e le tappe professionali di Bergamini, che “è stato, insieme ad Albertini e Frassati, l’artefice e l’interprete di una stagione irripetibile della storia politico-giornalistica del nostro Paese”. Leggi tutto

Aggressione a giornalista e cameraman di Teleromagna allo Stadio Morgagni di Forlì. La presa di posizione del gruppo giornalisti sportivi. Solidarietà dell’Odg regionale

Il Gruppo Emiliano Romagnolo Giornalisti Sportivi (GERGS) esprime un profondo sconcerto per quanto successo mercoledì sera allo stadio Morgagni di Forlì, in un derby Forlì-Cesena in cui le due tifoserie hanno avuto un comportamento esemplare nonostante un finale arroventato e ricco di emozioni in campo. A esibire il peggior repertorio possibile sono stati invece l’ex presidente del Forlì Stefano Fabbri e l’attuale presidente biancorosso Gianfranco Cappelli.
Nel finale della gara di mercoledì sera, dopo l’assegnazione di un calcio di rigore al Cesena, il signor Fabbri ha aggredito fisicamente il giornalista Luca Alberto Montanari, che stava effettuando la telecronaca per Teleromagna. Successivamente se l’è presa con il cameraman accendendo un parapiglia che ha coinvolto anche il presidente Cappelli, separato a forza da un giornalista. Leggi tutto

Ricordo e iniziative dell’Ordine regionale nel 75° anniversario della morte di Ezio Cesarini: giornalista antifascista, martire e testimone del suo tempo

27 gennaio 1944: al Poligono di tiro di via Agucchi viene fucilato Ezio Cesarini, redattore del Resto del Carlino. Già rinchiuso nel carcere di San Giovanni in Monte perché antifascista, è condannato come “concorrente morale” nell’uccisione del federale repubblichino di Bologna Eugenio Facchini.
Nel 75° anniversario della morte, l’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna ha deciso di ripercorrere storicamente la vita di Cesarini, che ha lottato con coraggio per la libertà di stampa e l’indipendenza dei giornalisti dalla dittatura nazi-fascista. Una serie di iniziative cercano di farlo conoscere anche come testimone delle vicende storico-politiche di un periodo intenso e tragico (a Bologna e nell’Italia intera) perché la sua vita è un piccolo compendio di storia locale, nazionale e internazionale. Leggi tutto

A Bologna è nata la sezione regionale di Articolo21. Ulteriore presidio di legalità per garantire il diritto costituzionale dei cittadini a essere informati

A inaugurare la sezione locale dell’Associazione, venerdì 18 gennaio al CIRSFID di Bologna, c’erano il presidente di Articolo 21 Paolo Borrometi, giornalista costretto a vivere sotto scorta per le sue inchieste “scomode”, il presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana Giuseppe Giulietti e la portavoce della nuova sezione emiliano-romagnola dell’associazione Stefania Pellegrini, docente all’Università di Bologna che da anni si occupa di legalità, mafia come fenomeno sociale e strategie di contrasto e prevenzione del fenomeno mafioso. Presenti anche Loris Mazzetti, giornalista Rai e storico collaboratore di Enzo Biagi (tra i fondatori di Articolo21), la presidente dell’Associazione Stampa regionale Serena Bersani, diversi rappresentanti del sindacato e di altre associazioni dei giornalisti. Leggi tutto

Al via Dig Academy e Riccione diventa la casa dei giornalisti

Seminari per reporter, videomaker, professionisti della comunicazione online. A Riccione nasce DIG Academy, la sezione dedicata alla formazione professionale dell’Associazione DIG. Si parte il 4 marzo con un corso sui fondamenti del giornalismo investigativo.
Riccione mette a disposizione la prestigiosa Villa Lodi Fè trasformandola nella Casa dei Giornalisti. Il corso è suddiviso in due weekend (4-6 marzo e 11-13 marzo), è aperto a 20 partecipanti residenti in Emilia-Romagna, con iscrizione gratuita sul sito entro il 20 febbraio.
Verranno discussi temi sempre più attuali per i reporter, dalla ricerca delle fonti online agli strumenti del data journalism, fino alla nuove forme di distribuzione.

Vicenda “La Voce”: udienza con sit-in degli ex lavoratori al Tribunale di Rimini

Il 5 febbraio, presso il Tribunale di Rimini, si è tenuta un’udienza di verifica dello stato passivo della Società “Editrice La Voce Srl”, dichiarata fallita il 30 luglio 2015. Nell’occasione il sindacato unitario dei giornalisti, l’Aser, ha organizzato un sit-in di sensibilizzazione sulla vicenda. Erano presenti una quindicina di persone tra ex componenti della redazione del giornale, che reclamano una quindicina di mensilità arretrate di stipendio, ex collaboratori e dirigenti sindacali.
Durante la manifestazione sono stati distribuiti 300 volantini per far conoscere la situazione all’opinione pubblica, insieme a un foglio satirico intitolato “L’urlo di Romagna”, in cui vengono ricordati tutti i passaggi salienti di questa spinosa vicenda.

Assemblea Odg 2016

Si è svolta a Palazzo Grassi, sede del Circolo Ufficiali di Bologna, l’assemblea annuale dell’Ordine regionale dei giornalisti. Prima di entrare nel vivo dell’incontro, il segretario Luca Molinari ha letto il triste elenco dei colleghi scomparsi negli ultimi dodici mesi e invitato i presenti a osservare un minuto di silenzio.
“Gli esami non finiscono mai” diceva il grande Eduardo De Filippo, “La vita è un’attesa tra un esame e l’altro” gli faceva eco Sergio Leone. È iniziata con queste citazioni celebri la relazione del presidente Antonio Farnè che ha voluto così sottolineare complessità, prove e sfide affrontate dall’Odg e da tutti i giornalisti negli ultimi anni.

Padre Giovanni Bertuzzi è il nuovo direttore della rivista I Martedì

La storica rivista di cultura e attualità fondata dal padre domenicano Michele Casali, ha un nuovo direttore responsabile. È padre Giovanni Bertuzzi O.P., già direttore scientifico dei Martedì, da sempre attento a questioni, temi caldi e “tendenze” del versante filosofico-culturale.
Non a caso, poiché padre Bertuzzi è giornalista pubblicista ma pure preside dello Studio Filosofico Domenicano e direttore del Centro San Domenico. Ed è proprio dal titolo del collaudatissimo ciclo di appuntamenti culturali del San Domenico – I Martedì – che ha preso il nome la rivista.
Già negli anni passati, sotto la sensibile e pregevole direzione del collega Guido Mocellin, la pubblicazione era tenuta d’occhio da intellettuali e gente comune

Concorsi dell’International Federation of Agricultural Journalists

Entro il 15 febbraio è possibile partecipare alla selezione per alcuni premi giornalistici internazionali banditi da Ifaj (International Federation of Agricultural Journalists): Premio Star Ifaj- Delaval per la fotografia (3 categorie), Ifaj-Rabobank Digital Media Award, John Deere-Ifaj Star Prize per giornalismo cartaceo e due premi Ifaj Broadcontest per radio e televisione.
Ai concorsi, aperti ai colleghi iscritti all’Unaga (Unione nazionale dei Giornalisti Agricoli), può partecipare un elaborato per ciascuna delle 40 nazioni aderenti a Ifaj.
In collaborazione con la Fao è bandito inoltre l’Ifaj-Fao Award for Excellence in Global Food Security Reporting, quest’anno dedicato al tema del suolo.

Tre singolari premi giornalistici in scadenza tra febbraio e marzo 2016

La onlus Diritti Diretti ha bandito il primo premio nazionale “Turismi accessibili, Giornalisti, Comunicatori e Pubblicitari superano le barriere”.
Il concorso premia articoli, servizi radio-televisivi, spot pubblicitari, video e campagne di comunicazione realizzati da giornalisti, pubblicitari e comunicatori per raccontare le imprese di chi è riuscito a produrre sviluppo socio-economico unendo i concetti di attrattività, innovazione, estetica e sostenibilità alla cultura dell’accessibilità.
Scopo del premio è dare visibilità alle buone pratiche utilizzate da realtà pubbliche e private (enti, aziende, istituzioni culturali, associazioni) che, operando direttamente o indirettamente nel settore del Turismo
Powered by Warp Theme Framework